Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, i cinema di Trento riaccendono luci e schermi nella serata dei David di Donatello per chiedere di ripartire: ''Speriamo di rivederci presto''

Un po' come avvenuto nei giorni scorsi con gli esercenti delle attività produttive, questa volta sono le sale a chiedere attenzione e regole per un via libera a ripartire. Le sale di Cineworld hanno partecipato al flash mob promosso in tutta Italia da Anec-Associazione nazionale esercenti cinema

Di L.A. - 09 maggio 2020 - 16:23

TRENTO. Le luci di insegne e schermi dei cinema si sono riaccesi per una sera. Anche le sale di Modena, Vittoria e Nuovo Roma di Trento hanno aderito all'iniziativa #riaccendilcinema, un flash mob promosso in tutta Italia da Anec-Associazione nazionale esercenti cinema.

 

Un po' come avvenuto nei giorni scorsi con gli esercenti delle attività produttive, questa volta sono le sale a chiedere attenzione e regole per un via libera a ripartire. 

Nella serata di ieri, venerdì 8 maggio, i cinema del capoluogo hanno riparto i battenti in concomitanza con l'assegnazione dei David di Donatello, una scelta simbolica per ricordare a politica e autorità che le sale esistono e chiedono maggior chiarezza sui tempi di ripartenza.

 

Si parla di streaming e drive-in, mentre c'è silenzio sul destino delle sale attualmente costrette al lockdown. "Le luci dei cinema sono spente da oltre 2 mesi - spiega Massimo Lazzeri, titolare del Cineworld che raggruppa Modena, Vittoria e Nuovo Roma - questa iniziativa vuole ricordare l'importanza delle sale per impatto sociale, culturale e intrattenimento per grandi e piccoli. Abbiamo riacceso in misura simbolica ma l'auspicio è quello di ritornare a breve alla normalità". 

Il flash mob, organizzato da Anec con hashtag #riaccendilcinema, intende lanciare un messaggio simbolico agli spettatori, agli operatori e alle istituzioni con il quale si sottolinea l’importante funzione sociale che le sale svolgono quotidianamente sul territorio come luoghi di incontro, partecipazione e scambio culturale, e si evidenzia la necessità di un progetto strategico per il rilancio del settore.

 

A seguito del lockdown, infatti, 1.600 strutture cinematografiche hanno sospeso la loro attività, per un totale di oltre 4 mila schermi su tutto il territorio nazionale. "I cinema, come i teatri, per metratura possono garantire la sicurezza di spettatori e lavoratori. L'auspicio è quello di rivedersi presto con una bella proiezione", conclude Lazzeri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 20:05

Ci sono 46 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 94 positivi a fronte dell'analisi di 846 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,1%

20 ottobre - 17:58

La Provincia di Bolzano ha comunicato nuove limitazioni per frenare la diffusione del virus. In una giornata segnata dal record di positivi (ben 209), Kompatscher ha annunciato che le scuole superiori dovranno fare almeno un 30% della didattica a distanza. Sport e grandi eventi, con la cancellazione dei mercatini di Natale, gli altri ambiti maggiormente interessati

20 ottobre - 18:46

Sono 15 i milioni che saranno investiti nella realizzazione del nuovo collegamento funiviario che, in soli 7 minuti, percorrerà un tracciato di 3.8 chilometri per un dislivello di 644 metri. L'impianto collegherà l'abitato di San Cipriano con Malga Frommer, posta tra le piste da sci del comprensorio di Carezza. Intanto, però, si continua a scavare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato