Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, il richiamo del vescovo Lauro: “Stiamo dimenticando l’enorme dolore provocato dalla pandemia. Non scordiamoci la lezione di questi mesi''

Spero di sbagliarmi – ammonisce l’Arcivescovo – ma più di un segnale rivela che si sta già dimenticando, anche nell’ambito ecclesiale, l’enorme dolore che solo in Italia ha prodotto decine di migliaia di morti e fatto piombare tante famiglie in grave sofferenza

Pubblicato il - 17 maggio 2020 - 10:11

TRENTO. “No al parlare violento e conflittuale e alla logica della competizione. C'è futuro solo al plurale” questo il messaggio che quest'oggi ha voluto mandare l'arcivescovo Lauro nell’ultima delle undici domeniche a porte chiuse dall’inizio dell’emergenza Coronavirus.

 

Da domani, infatti, si torna a celebrare l’Eucarestia alla presenza del popolo. “Sarà comunque una ripresa parziale e graduale – sottolinea in apertura l’Arcivescovo –, nel pieno rispetto delle regole: cerchiamo di viverle come vincoli d’amore per la tutela della salute dei nostri fratelli. È totalmente estraneo all’Eucarestia – aggiunge – una fruizione individuale e personale, dimenticando gli altri”. Quindi il pensiero a bambini e ragazzi “che in questo momento di ripartenza – secondo don Lauro – rischiano di restare invisibili e ignorati, anche nelle nostre comunità ecclesiali.”

 

Nell’omelia monsignor Tisi commenta il Vangelo di Giovanni, in cui Gesù promette il dono dello Spirito della verità, “che ci porta – spiega – al nucleo essenziale attorno a cui va a costruirsi la nostra vita: essere proiettati fuori di noi alla ricerca dell’altro. A legare l’inizio e la fine della vita è l’amore. Dio è amore, l’incontro con Lui esige che ci giochiamo la partita della libertà”.

 

“Il grande pericolo in questo momento impegnativo per l’intera storia umana è di muoverci prescindendo dall’amore, rinunciando all’ebbrezza della responsabilità e della libertà. Spero di sbagliarmi – ammonisce l’Arcivescovo –, ma più di un segnale rivela che si sta già dimenticando, anche nell’ambito ecclesiale, l’enorme dolore che solo in Italia ha prodotto decine di migliaia di morti e fatto piombare tante famiglie in grave sofferenza. Sta avanzando sempre più un parlare violento e conflittuale, ben lontano da quel procedere con ‘dolcezza e rispetto’ indicato dalla prima Lettera di Pietro”.

 

Infine, l’invito a pensare percorsi innovativi senza ricadere in “un’organizzazione sociale ed economica pensata sulla logica della competizione e delle zampate vincenti a scapito dell’altro”, destinata a produrre solo “tensione e disuguaglianza”.

 

La lezione di questi mesi – conclude Tisi – non passi inosservata: non avremo futuro se non lo vivremo al plurale”.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 09:45
Sono 1.367 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 21 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 130 guarigioni dal [...]
Cronaca
19 aprile - 06:01
Il meteo per questa settimana dovrebbe tenere, Peterlana: "Il bel tempo è fondamentale". Resta consentita la possibilità di accogliere i [...]
Cronaca
19 aprile - 08:30
Mieli Thun: “Siamo tutti certi che Andrea è e sarà in ogni ape che ci circonda, in ogni elemento della natura e in ogni respiro vitale che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato