Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige altro passo verso la ripartenza. Kompatscher firma una nuova ordinanza: ''Riapertura delle attività produttive con 5 addetti''

Nuova ordinanza del presidente Provincia per la ripartenza. “Benché ci vorrà ancora del tempo perché si torni alla normalità, procediamo passo dopo passo per raggiungerla”, afferma il presidente Kompatscher. Massima attenzione allo scrupoloso rispetto alle disposizioni su igiene e sicurezza

Pubblicato il - 18 aprile 2020 - 13:35

BOLZANO. Far ripartire le attività produttive, questa la strada che la Provincia di Bolzano sta seguendo e che oggi vede un ulteriore importante intervento. Il presidente Arno Kompatscher ha infatti firmato un nuova ordinanza d'urgenza che, rispetto a tutte le attività produttive finora consentite all'interno della sede aziendale, prevede l'estensione a fino al massimo 5 dipendenti, e la possibilità di svolgerle anche negli spazi aziendali esterni, osservando precise disposizioni di sicurezza.

 

La nuova ordinanza, insomma, introduce delle novità rispetto a quella precedente, la numero 20, che aveva ammesso, oltre alle attività dotate di un codice Ateco, e quelle a garanzia del funzionamento delle catene di fornitura, anche la produzione di prodotti e di servizi all’interno delle sedi aziendali a cura dei titolari con la collaborazione dei membri conviventi della famiglia.

 

Ora, con l’ordinanza numero 21 del presidente della Provincia, consente tali attività anche avvalendosi di fino al massimo 5 addetti con la possibilità si svolgerle anche sugli spazi esterni della sede aziendale, qualora l’installazione o la messa in opera in loco sia connessa con l’attività produttiva. “In tal modo si garantisce di poter portare a compimento un lavoro per la consegna al cliente, ad esempio, a un tappezziere, a un lattoniere, o a un falegname che realizza mobilio”, fa presente l’assessore Achammer. Nello svolgere questi lavori, però, è necessario attenersi alle limitazioni, ovvero, per ogni azienda possono essere operativi in loco non più di 5 addetti contemporaneamente, devono essere osservate le distanze interpersonali e deve essere evitato il contatto con i clienti.

 

 

Benché ci vorrà ancora del tempo perché si torni alla normalità, procediamo passo dopo passo per raggiungerla”, afferma il presidente Kompatscher che rimarca la necessità di mantenere il più possibile limitato il rischio d’infezione e di dare priorità alla tutela della salute. Per l’assessore provinciale all’economia Philipp Achammer ogni passo verso la ripartenza riveste un ruolo di rilievo per contenere gli effetti della crisi economica: “Si tratta di facilitare il più possibile le aziende nello svolgimento della loro attività, in modo tale che non incorrano in difficoltà, che siano in grado di mantenere i posti di lavoro e garantire il benessere”, fa presente. “Con la nuova ordinanza proseguiamo verso la riapertura delle attività imprenditoriali”, fa presente il presidente Kompatscher sottolineando che si tratta di sfruttare gli spazi di manovra a disposizione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato