Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige il dato peggiore di sempre: 339 nuovi positivi, 45 sanitari contagiati nelle ultime 24 ore

In Provincia di Bolzano non si fermano i contagi, nell’ultima settimana sono stati registrati 1.615 casi (339 solo quelli delle ultime 24 ore). Altre 14 persone hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 12.3%, 2.753 quelli analizzati dall’azienda sanitaria

Pubblicato il - 25 ottobre 2020 - 11:57

BOLZANO. Nelle ultime 24 ore in Alto Adige sono stati registrati 339 nuovi casi di coronavirus, il dato più alto mai riscontrato dall’inizio della pandemia. Numeri che preoccupano il governo provinciale e le autorità sanitarie che stanno mettendo in campo sforzi notevoli per ricostruire le reti dei contagi.

 

Gli ultimi dati parlano di 2.753 tamponi che fanno salire il rapporto contagi/tamponi al 12.3%. Solo nell’ultima settimana in provincia di Bolzano sono state rilevate 1.615 positività (6.434 i contagi totali), fortunatamente resta fermo il numero di decessi (296), mentre calano di un posto letto le terapie intensive che scendono a quota 11. I pazienti ricoverati nelle varie strutture sanitarie pubbliche salgono a 116, ben 14 in più rispetto alla giornata di ieri. Stabili i pazienti ospitatati nelle strutture private convenzionate e a Colle Isarco, rispettivamente 31 e 32.

 

Per quanto riguarda i collaboratori dell’Azienda sanitaria risultati positivi al test sono stati 314 (45 solo nell'ultima giornata), 231 i guariti (-1, dopo un controllo questa cifra è stata corretta) mentre due collaboratori hanno lasciato il servizio prima di essere guariti e quindi non compaiono nel numero totale dei collaboratori guariti. Infine una persona guarita si è nuovamente positivizzata. I medici di medicina generale e pediatri di libera scelta contagiati sono stati 17, per ora 15 sono guariti.

 

I numeri in breve:

Tamponi effettuati ieri (24 ottobre): 2.753

Nuovi casi positivi: 339

Numero delle persone testate positive al coronavirus: 6.434

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 218.797

Numero delle persone sottoposte al test: 113.387 (+1.331)

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 116

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 31

Pazienti Covid-19 in isolamento nella struttura di Colle Isarco: 32

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 11

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 296 (+0)

Persone in isolamento domiciliare: 6.327 (delle quali 11 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 24.796 (delle quali 1.522 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 31.123

Persone guarite: 2.951 (+8). A queste si aggiungono 938 (-1) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test (si tratta di una persona guarita che si è nuovamente positivizzata). Totale: 3.889 (+7)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

23 novembre - 19:48

Sul posto stanno intervenendo diversi vigili del fuoco con un’autoscala e due mezzi di supporto. Stando alle prime informazioni le fiamme sarebbero partite dalla zona del tetto di uno stabile in via Torre d’Augusto a Trento dove ci sono anche alcuni appartamenti

23 novembre - 19:06

Dalla morte di Piergiorgio Cattani alle dimissioni di Ghezzi, Futura affida a una lettera (in forma integrale) l'analisi di un momento complicato per il movimento nato nel 2018: "Confermato o meno l’importante assessorato che ci era stato assegnato, l’unica cosa che ci sentiamo di garantire è presenza responsabile, curiosa e attiva"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato