Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, altri 10 positivi a Primiero San Martino di Castrozza. Ecco i 40 Comuni del contagio e dove sono avvenuti i 14 decessi

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 53 pazienti sono in terapia intensiva e 57 in alta intensità. Oggi 141 positivi e 14 decessi

Di Luca Andreazza - 14 dicembre 2020 - 20:57

TRENTO. Ci sono 19.091 casi e 846 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus da inizio epidemia, sono 15.590 i guariti da inizio emergenza e 2.655 gli attuali positivi al tampone molecolare. Sono stati, purtroppo, comunicati 14 decessi. Le morti sono state attribuite ai Comuni di Trento (4 vittime), Rovereto (3 vittime), Mori, Brentonico, Cembra Lisignago, Primiero San Martino di Castrozza, Vallelaghi, Segonzano e Amblar-Don. Il bilancio è di 376 decessi in questa seconda ondata di Covid (Qui articolo). Nella giornata odierna è stato registrato un aumento delle persone in ospedale, preoccupa la situazione in terapia intensiva, così come il dato sempre significativo di casi tra gli over 70 (Qui articolo). 

 

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 53 pazienti sono in terapia intensiva 57 in alta intensità. Sono stati trovati 118 positivi (30 già antigenici) dall'analisi di 839 tamponi per un rapporto contagi/tamponi al 14%. Gli altri 27 contagi sono stati individuati tramite 269 test antigenici e un rapporto del 10%. Complessivamente 141 infezioni con il rapporto contagi/tamponi si attesta all'11,4%.

 

Il pannello di monitoraggio di Apss e Pat però non viene aggiornato con i dati dei test antigenici e riporta solo quelli dei tamponi molecolari. Dalla scorsa settimana la Provincia ha finalmente iniziato a comunicare i dati complessivi per quanto riguarda la diffusione del contagio sul territorio provinciale, numeri che comprendono i test antigenici.

 

Nel dettaglio i risultati dei tamponi molecolari. A Trento sono stati trovati 23 nuovi contagi e sono 612 gli attuali positivi, altre 10 infezioni a Primiero San Martino di Castrozza (56 attuali positivi) e 9 casi a Rovereto (227 attuali positivi).

 

Altre 5 infezioni a Arco (95 attuali positivi), Lavis (33 attuali positivi) e Cles (58 attuali positivi). E poi 4 contagi a Pergine (112 attuali positivi), Riva del Garda (68 attuali positivi) e Avio (15 attuali positivi). 

 

Ci sono 3 casi a Borgo Valsugana (44 attuali positivi), Telve (20 attuali positivi) e Volano (8 attuali positivi), altri 2 contagi a Mori (30 attuali positivi), Vallelaghi (31 attuali positivi), Ville d'Anaunia (25 attuali positivi), Tione (12 attuali positivi), Rabbi (5 attuali positivi) e Ruffrè-Mendola (4 attuali positivi). 

 

E ancora 1 positivo a Cembra Lisignago (15 attuali positivi), Segonzano (6 attuali positivi), Levico (35 attuali positivi), Ledro (15 attuali positivi), Altopiano della Vigolana (35 attuali positivi), Ala (32 attuali positivi), Storo (14 attuali positivi), Civezzano (15 attuali positivi), Besenello (7 attuali positivi), Villa Lagarina (5 attuali positivi), Tenno (11 attuali positivi), Nago-Torbole (4 attuali positivi), Valdaone (7 attuali positivi), Mezzano (16 attuali positivi), Giustino (5 attuali positivi), Imer (16 attuali positivi), Albiano (4 attuali positivi), Ospedaletto (7 attuali positivi), Ossana (2 attuali positivi), Molveno (1 attuale positivo) e Massimeno (2 attuali positivi).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato