Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la falsa infermiera accusa sui social l'azienda sanitaria di diffondere immagini irrealistiche, la smentita: "E' una fake news"

La donna che ha scritto il post sosteneva che pazienti di altri reparti sarebbero stati appositamente portati nel reparto di Terapia Intensiva e che al personale del reparto sarebbe stato chiesto di descrivere la situazione in termini peggiori di quanto essa non sia in realtà

Pubblicato il - 13 novembre 2020 - 18:56

BOLZANO.  L'azienda sanitaria altoatesina ci tiene a riportare un eclatante caso di fake news accaduto i giorni scorsi. In un post del gruppo Facebook "Freie Bürger Cittadini Liberi TrentinoSüdtirol", divulgato anche tramite WhatsApp e che nel frattempo è stato cancellato, si sostiene che l'Azienda sanitaria dell’Alto Adige abbia inviato delle foto al quotidiano in lingua italiana "Alto Adige" per far apparire la situazione legata al Covid-19 peggiore di quanto essa non sia in realtà.

 

Una non meglio definita "Sabine", indicata come infermiera in servizio e "collaboratrice ospedaliera altamente qualificata", sostiene addirittura che pazienti di altri reparti sarebbero stati appositamente portati nel reparto di Terapia Intensiva Covid-19 e che al personale del reparto di Terapia Intensiva sarebbe stato chiesto di descrivere la situazione in termini peggiori di quanto essa non sia in realtà.

 

Niente di tutto questo è vero, come afferma il Primario Marc Kaufmann, Coordinatore medico per la pandemia Covid-19 e della terapia intensiva coronavirus a Bolzano: "La richiesta per il servizio fotografico è arrivata proprio dall'Alto Adige, analoga richiesta che nei giorni scorsi è stata formulata anche da molti altri mass media (ORF Alto Adige, RAI Alto Adige, Rttr) e da noi accolta. La situazione è già gravissima, non c'è certo bisogno di renderla peggiore".

 

Le affermazioni fatte sono false e, per il Direttore generale Florian Zerzer, anche gravemente lesive dell’immagine aziendale: "Si sostiene che l'azione sia stata avviata dalla Direzione generale o addirittura dalla Provincia di Bolzano per suscitare paura. Si fanno nomi e speculazioni. Queste dichiarazioni sono completamente false, i giornalisti e i fotografi/cameramen erano completamente liberi nella scelta delle situazioni da riprendere. Abbiamo inoltrato il post di Facebook alla nostra Ripartizione Legale affinché vengano presi dei provvedimenti, per individuare le persone responsabili di tali ‘fake news’".

 

Nel frattempo, il post è stato cancellato, ma ha già fatto il giro della rete, anche tramite WhatsApp. Il Direttore generale Zerzer continua: "Per solidarietà con le tante famiglie che hanno perso i loro cari o che temono ancora per la vita dei loro cari a causa di questa terribile pandemia, nonché per la tutela dei collaboratori e delle collaboratrici che ogni giorno compiono cose incredibili e che sono ritratti in questo post Facebook come persone che raccontano delle menzogne, l'Azienda sanitaria dell’Alto Adige intraprenderà azioni mirate contro tali falsità, ora e in futuro".

 

In allegato alcune foto recenti che mostrano la situazione nel reparto di Terapia Intensiva Covid-19 di Bolzano, che non si discostano in alcun modo dalle immagini pubblicate dai media nei giorni scorsi. Il reparto di Terapia Intensiva Covid-19 di Bolzano lavora al limite. Così era il giorno della visita dei rappresentanti dei media e così è ancora oggi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 gennaio - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato