Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, l'Alto Adige piange altri 8 morti. Oltre 300 nuovi positivi. Ancora in calo il numero di pazienti ricoverati in ospedale

Sono stati analizzati 2.734 tamponi per 341 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 12,5%. Altri 8 morti, il bilancio sale a 203 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 498 decessi da inizio epidemia. Sono 21.661 le persone che hanno contratto il coronavirus da marzo

Di L.A. - 25 novembre 2020 - 11:13

BOLZANO. Altri 8 morti e 341 nuovi positivi. Ancora alto il rapporto contagi/tamponi ma che resta per il secondo giorno consecutivo più vicino al 10% rispetto al 20% delle ultime settimane. Calano le persone ricoverate nei normali reparti ospedalieri ma c'è una persona in più in terapia intensiva. Questo il report di oggi, mercoledì 25 novembre, per quanto riguarda l'emergenza coronavirus in Alto Adige. 

 

Sono stati analizzati 2.734 tamponi per 341 test risultati positivi e un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 12,5%. Altri 8 morti, il bilancio sale a 203 vittime in questa seconda ondata, il totale è di 498 decessi da inizio epidemia. Sono 21.661 le persone che hanno contratto il coronavirus da marzo.

 

Sono 298 (-15) le persone ricoverate nei normali reparti ospedalieri144 nelle strutture private convenzionate 94 (+8) pazienti in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes. Sono 41 (+1) i cittadini che ricorrono alle cure della terapia intensiva. Attualmente invece sono 9.410 le persone in quarantena.

 

A livello provinciale a oggi (23 novembre) sono stati effettuati in totale 300.122 tamponi su 146.006 persone. I dati sono importanti sul territorio altoatesino, ma la campagna di screening di massa ha permesso all'Alto Adige di riprendere il controllo della situazione e il rapporto contagi/tamponi dimezzato è il risultato di questa operazione. Un progetto che in 3 giorni ha portato la Provincia a testare 356.896 cittadini e identificare 3.491 positivi, un tasso di infezione dell'1%.

 

I numeri in breve:

Tamponi effettuati ieri (24 novembre): 2.734

Nuovi casi positivi: 341

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 21.961 

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 300.122 

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 146.006 (+611)

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 298

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 144

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 94 (83 a Colle Isarco e 11 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 41

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 498 (+8)

Persone in isolamento domiciliare: 9.410 (delle quali 11 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 47.698 (delle quali 1.495 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta)

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 57.108

Persone guarite: 9.863 (+389). A queste si aggiungono 1.286 (+16) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test. Totale: 11.149 (+405) 

Collaboratori dell'Azienda sanitaria positivi al test: 858, 549 guariti (al 14.11)

Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta positivi: 32, 28 guariti (al 14.11)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato