Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, nelle Rsa operatori positivi e tamponi a rilento: a rischio i pasti per gli anziani. L'allarme dei sindacati: ''Attenzione anche nelle cucine degli ospedali''

I sindacati mettono in luce una situazione che è paradossale: per evitare il rischio di diffondere l’epidemia all’interno delle Rsa tutto il personale, anche quello in appalto, viene giustamente sottoposto a tampone, ma se si riscontra una positività è molto complesso avviare una sostituzione

Di GF - 05 November 2020 - 18:38

TRENTO. Diversi casi positivi tra il personale delle cucine e il sistema ingolfato dei test rischia di mettere ko parte dei servizi delle Rsa del Trentino. “Pasti a rischio per gli anziani” è l'allarme gridati dai sindacati.

Capita, infatti, sempre più di frequente che lavoratori e lavoratrici, a seguito dei tamponi periodici, risultino positivi e dunque costretti ad andare in quarantena. “All’inizio i colleghi si sono sobbarcati anche il lavoro degli assenti, ma adesso la situazione è al limite e se non si trova una soluzione con l’Azienda sanitaria per accelerare i tamponi si rischia di dover spegnere le cucine”, denunciano Francesca Delai della Filcams Cgil, Gabriele Goller della Fisascat Cisl e Dino D’Onofrio della Uiltucs.
 

I sindacati mettono in luce una situazione che è paradossale: per evitare il rischio di diffondere l’epidemia all’interno delle Rsa tutto il personale, anche quello in appalto, viene giustamente sottoposto a tampone, ma se si riscontra una positività è molto complesso avviare una sostituzione. E questo non per carenza di personale disponibile. A spiegarlo sono gli stessi sindacati. “Per entrare in servizio in una Rsa – affermano - l’addetto in sostituzione deve avere un tampone negativo. Questa procedura, visto l’affanno in cui si trova l’Azienda sanitaria, richiede anche più di una settimana tra richiesta, somministrazione dell’esame e risultato, così i posti restano scoperti”.

Una possibile soluzione che viene prospettata è quella di avere una corsia “preferenziale” per i test rapidi per questa tipologia di personale.

 

“L’unico modo per gestire questa situazione è individuare un canale preferenziale per i tamponi di tutto il personale che svolge attività essenziale in ambito sanitario – insistono Delai, Goller e D’Onofrio -. Se ci sono i tamponi rapidi, allora si rendano accessibili in tempi brevissimi per permettere a questi lavoratori di entrare in servizio senza che si debba ricorrere a doppi o tripli turni”.
 

I sindacati chiedono anche maggiore attenzione sul fronte ospedali dove gli addetti alle cucine non vengono testati. “E’ un assurdo perché questi lavoratori operano in gruppo in un ambiente piccolo e spesso umido, dunque perfetto per il virus. Servono tamponi per tutti e in tempi rapidi se veramente si vuole tenere a riparo dal contagio le strutture più fragili. A marzo il personale non veniva testato e sappiamo tutti come è andata a finire. Serve fare tutto il possibile per non ritrovarci in quella drammatica situazione”, concludono Delai, Goller e D’Onofrio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato