Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, non ce l'ha fatta monsignor Alfredo Bertolini. Era il secondo sacerdote più anziano dell'Arcidiocesi di Trento

Dal 2009 era residente alla Casa del Clero, dove si è spento dopo aver contratto il Covid. I funerali si terranno lunedì

Pubblicato il - 05 December 2020 - 12:58

TRENTO. Era il secondo sacerdote più anziano dell'Arcidiocesi di Trento e solo giovedì scorso aveva spento 100 candeline. Purtroppo nelle prime ore di questa mattina è morto a Trento monsignor Alfredo Bertolini.

 

Prosegue il drammatico momento della Chiesa trentina che da inizio novembre ha visto ben sedici sacerdoti morire.

 

Nato a Vermiglio, è stato ordinato a Denno nel 1944. Fu vicario parrocchiale a Strigno (1944-1947) e poi parroco a Bolentina (1947-1953), Crosano (1953-1964), Trento-Santissimo (1964-1983).
 

Divenne quindi direttore spirituale del Seminario (1983-1989), rettore della chiesa di S. Chiara a Trento (1989-1996). Nominato canonico preposito (1996-1997), penitenziere (1997-2004) e dal 2004 canonico emerito della Cattedrale.

 

Dal 2009 era residente alla Casa del Clero, dove si è spento dopo aver contratto il Covid.

 

Il funerale sarà celebrato lunedì 7 dicembre alle ore 14 in Cattedrale a Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 January - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato