Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, drammatica situazione nella Chiesa trentina. In 30 giorni sono morti 15 sacerdoti

L’ultimo in ordine di tempo è don Adolfo Orlandi, purtroppo il contagio da coronavirus sta facendo vivere una situazione davvero drammatica alla Chiesa Trentina

Pubblicato il - 04 December 2020 - 10:10

TRENTO. Continua ad essere molto drammatica la situazione della Chiesa trentina per quanto riguarda il numero di sacerdoti che se ne vanno dopo aver contratto il virus.

 

Nell'arco di un mese sono 15 i sacerdoti defunti.

 

L’ultimo in ordine di tempo è don Adolfo Orlandi, 80 anni. Nato a Villa Banale, venne ordinato a Trento nel 1966. Fu vicario parrocchiale a Trento-Cristo Re (1966-1967), Rovereto S. Famiglia (1967-1969), Riva del Garda (1969-1972), Riva S. Giuseppe (1972-1974); parroco a Praso (1974-1984), e per 22 anni a Vigo-Daré, Pelugo (1984-2007).

 

Dal 2007 era residente alla Casa del Clero. Nelle scorse settimane ha purtroppo contratto il coronavirus e negli ultimi giorni le sue condizioni sono peggiorate fino alla sua morte che è avvenuta nella giornata di ieri.

 

Il funerale sarà celebrato sabato 5 dicembre alle ore 14.30 Villa Banale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 January - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato