Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, nuove regole sul numero di fedeli nelle chiese. Ecco cosa accadrà in cinque comunità parrocchiali

L’ordinanza provinciale prevede che la capienza massima passi a 500 fedeli per le chiese in grado di accogliere normalmente più di 800 persone a sedere e a 250 fedeli per quelle con capienza compresa tra 400 e 800 unità. Le cinque chiese citate rientrano nelle due fattispecie indicate

Pubblicato il - 26 agosto 2020 - 17:25

TRENTO. Sono attualmente cinque le comunità parrocchiali che si avvarranno dei nuovi limiti di accesso alle chiese, stabiliti nell’ordinanza del Presidente della Provincia Autonoma di Trento del 25 agosto 2020.

 

Si tratta delle chiese parrocchiali di San Giuseppe a Trento, San Giuseppe a Riva del Garda, Levico Terme, Madonna di Campiglio e Predazzo.

 

In esse si andrà a ricalcolare il numero dei posti a disposizione dei fedeli, ovviamente nel rispetto della distanza minima di sicurezza. L’ordinanza provinciale prevede, infatti, che la capienza massima passi a 500 fedeli per le chiese in grado di accogliere normalmente più di 800 persone a sedere e a 250 fedeli per quelle con capienza compresa tra 400 e 800 unità. Le cinque chiese citate rientrano nelle due fattispecie indicate.

 

Nelle altre chiese della Diocesi il numero consentito di fedeli è legato al rispetto del distanziamento minimo di 1 metro e comunque non potrà superare il tetto massimo di 200 fedeli.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato