Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, nuove restrizioni all'Università di Trento. Il rettore: ''Da lunedì in presenza solo le lezioni del primo anno''.

A partire da lunedì prossimo, 9 novembre, si svolgeranno in presenza solo le lezioni del primo anno di ogni corso di studio e i laboratori, tanto nelle lauree triennali quanto nelle lauree magistrali. La decisione inviata dal rettore agli studenti: "L'università si trasferisce per gran parte ‘in remoto’, ma resta aperta e funzionante, e più che mai fedele alla sua missione".

Pubblicato il - 05 November 2020 - 10:23

TRENTO. Il nuovo Dpcm firmato nelle scorse ore dal premier Conte e che contiene nuove misure per il contenimento del coronavirus ha inevitabilmente degli effetti anche per l'Università di Trento.

 

Nella serata di ieri, infatti, il rettore Paolo Collini ha scritto a tutti gli studenti e le studentesse per spiegare che l'entrata in vigore nelle nuove misure “costringe anche noi a qualche ulteriore restrizione”.

 

Ecco allora che da lunedì 9 novembre si terranno in presenza soltanto le lezioni del primo anno di ogni corso di studio e i laboratori, tanto nelle lauree triennali quanto nelle lauree magistrali. In questo modo, è stato spiegato, l'obiettivo dell'Ateneo è quello di contribuire a contenere il contagio e ad alleggerire il carico del trasporto pubblico.

 

“Non è una buona notizia – spiega il rettore - perché pensavamo che le già stringenti misure di sicurezza adottate fossero sufficienti. Ma siamo parte di una comunità, e il sacrificio è necessario. Si tratta di un sacrificio per tutti, ma il mio pensiero ora va soprattutto alle studentesse e agli studenti, costretti nuovamente – dopo quanto abbiamo passato in primavera – a quello che è dopo tutto un surrogato di università. Sono certo che i docenti e il personale tecnico-amministrativo raddoppieranno gli sforzi per limitare i danni e per assicurare a tutti le possibilità di crescita e di apprendimento che meritano”. L'università, ha spiegato ancora il rettore, si trasferisce per gran parte ‘in remoto’, ma resta aperta e funzionante.

 

A riprendere la notizia sono state anche le principali associazioni Udu e UNiTIN impegnate in questi giorni in vista delle prossime elezioni studentesche (con votazione online) che si terranno verso la fine del mese e che porteranno al rinnovo di 144 cariche.

 

“Da lunedì – è stato spiegato da UNiTIN in Instagram – anche tutte le biblioteche e le aule studio saranno chiuse. Anche questa conseguenza del decreto il quale prevede che tutti i luoghi della cultura tra cui rientrano le biblioteca, vengano chiusi al pubblico”.

A chiedere a tutti gli studenti massima attenzione e di “indossare la mascherina, di stare a casa il più possibile” e di mantenere il contatto con le rappresentanze studentesche e l'Università tramite i canali social e la mail istituzionale è l'Unione degli Universitari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

25 January - 10:34

"Motivi personali" all'origine della temporanea sostituzione del direttore del Muse, Michele Lanzinger: "Sarò sostituito da Massimo Eder fino al 22 febbraio". Il museo sotto la sua guida è riuscito in questi anni a macinare record su record. La sostituzione momentanea  contenuta in una delibera che vede come relatore il presidente Maurizio Fugatti 

25 January - 09:52

Il fiuto dei cani antidroga è risultato decisivo per il sequestro di diverse decine di grammi di sostanze stupefacenti. I controlli degli agenti della questura si è concentrato su alcuni locali noti per la presenza di soggetti connessi allo spaccio, che alla vista delle forze dell'ordine hanno cercato inutilmente di disfarsi delle dosi di cui erano in possesso

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato