Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige il 30% delle lezioni si faranno online. Altri 11 contagi nella scuola italiana

Dal 9 novembre la scuola italiana in Alto Adige integrerà la didattica in presenza con il 30% di lezioni online: “Scelta dovuta alla volontà di tutelare gli studenti e il personale ostacolando la diffusione del virus”. Nel frattempo non si arrestano i contagi: +11 negli istituti altoatesini

Di T.G. - 22 ottobre 2020 - 19:56

BOLZANO. Già dal prossimo 9 novembre le scuole superiori di lingua italiana altoatesine dovrebbero ridurre il numero delle lezioni in presenza, implementando la didattica a distanza. Lo prevede la nuova ordinanza provinciale firmata dal presidente Arno Kompatscher, entrata in vigore da ieri 21 ottobre, che oltre a ingressi e uscite scaglionate introduce un 30% di lezioni online. “Questa nuova disposizione non crea grandi disagi nelle scuole in lingua italiana – spiega l’assessore Giuliano Vettorato – grazie all’esperienza dello scorso anno scolastico e al lavoro organizzativo svolto durante la pausa estiva, le scuole prevedono già la possibilità di integrare la didattica in presenza con quella a distanza e quindi sarà sufficiente una revisione parziale degli orari, a cui si sta lavorando”.

 

Per fare in modo che i ragazzi possano frequentare senza intoppi anche le lezioni da remoto i dirigenti invitano le famiglie a segnalare alle segreterie scolastiche l’eventuale mancanza di dispositivi elettronici: “Ricordiamo – aggiunge il sovrintendente Vincenzo Gullotta – che la scelta di aumentare la quota di didattica digitale integrata è dovuta alla volontà di tutelare gli studenti e il personale scolastico e di ostacolare la diffusione del virus”.

 

Nel frattempo sono stati registrati 11 nuovi casi di positività al Covid-19 nelle scuole italiane. Alla scuola elementare Don Bosco di Bolzano sono stati segnalati due casi e una classe è stata posta in quarantena. Tre i positivi alle scuole Gandhi di Laives. Un caso di positività è stato registrato alla scuola media Archimede a Bolzano. Altri tre casi invece, provengono dalla scuola Ada Negri, un caso alle scuole Foscolo (con una classe in quarantena) e alle scuole medie Alfieri, sempre nel capoluogo (con una classe in quarantena). All’Istituto superiore Galilei di Bolzano è stato segnalato un caso di positività, con tre classi in quarantena.

 

Per far fronte alla situazione la dirigenza della scuola elementare Chini, su indicazione dei medici dell’Azienda sanitaria, ha stabilito il passaggio alla didattica a distanza fino al 1° novembre. Si tratta di una decisione maturata in seguito ai risultati arrivati con lo screening del 19 ottobre, a cui hanno partecipato tutti gli alunni e i docenti (circa un centinaio). Situazione simile anche a Laives, dove la scuola primaria Gandhi passerà da domani, 23 ottobre, alla didattica digitale integrata e verranno effettuati test su tutti gli studenti. Allo stesso modo anche una classe delle scuole Alfieri rimarrà a casa domani, in attesa che sabato venga effettuato il tampone, con successivo rientro a scuola previsto per lunedì.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 20:20

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 49 in alta intensità. Sono stati trovati 176 positivi a fronte dell'analisi di 740 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 23,8%

30 novembre - 20:31

Un'operazione un po' diversa rispetto al modello di screening di massa altoatesino, ma comunque un'attività a più ampio raggio per cercare di interrompere il prima possibile eventuali catene di contagio attraverso una serie di test antigenici. E' necessaria l'impegnativa del medico di base per portare effettuare il tampone

30 novembre - 19:37

La proposta è quella degli skipass solo a chi pernotta almeno 1 notte in una struttura oppure le persone che possiedono o mettono in affitto una seconda casa. Dura la Cgil, Stefano Montani: "Ennesima estemporanea uscita di Failoni, una proposta che almeno ha il pregio di far sorridere, magari amaramente, ma pur sempre sorridere. L'assessore in cerca di facile pubblicità la smetta di ragionare da albergatore e inizi a farlo da assessore"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato