Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Dad anche in seconda e terza media a Bolzano e nei Comuni-Cluster. Nel resto dell'Alto Adige mascherine in classe e a casa le superiori

Anche se zona gialla la Provincia di Bolzano introduce sempre più restrizioni e adotta i provvedimenti previsti per le ''zone rosse'' del Dpcm a 23 centri. Ecco cosa accadrà da lunedì

Di L.P. - 05 November 2020 - 16:53

BOLZANO. Comuni Cluster sempre più ''zone rosse''. In Alto Adige l'onda epidemica continua a crescere (oggi oltre 700 contagi contati in 24 ore) e nonostante la fiducia del governo nazionale che ha bollato come ''zona gialla'' la provincia di Bolzano, Kompatscher prosegue con gli interventi restrittivi sempre più in linea con le direttive nazionali previste per le ''zone rosse'' (quindi per Lombardia, Piemonte, Valle d'Aosta e Calabria).

 

In particolare è stato deciso che nei Comuni Cluster (23 centri tra i quali anche il capoluogo Bolzano ed altri paesi importanti come, tra gli altri, anche Laives, Egna, Vipiteno) la didattica sarà a distanza anche per le seconde e terze medie e non solo per le superiori. Esattamente una delle misure previste dal dpcm di Conte per le ''zone rosse'' del Paese

 

Oggi, infatti, si è tenuta una seduta straordinaria, nel primo pomeriggio, per la Giunta provinciale e al centro delle discussioni vi era la situazione relativa agli effetti delle misure di contenimento dei contagi da Covid-19 nel mondo della scuola. L'esecutivo di Palazzo Widmann ha deciso che, a partire da lunedì 9 novembre, giorno di ripresa delle lezioni dopo la settimana di vacanza di Ognissanti, nei Comuni-Cluster potranno riprendere le lezioni in presenza solo i bambini dell'assistenza all'infanzia, scuole materne, scuole elementari e prime classi delle scuole medie.

 

Dalla seconda media in avanti, comprese ovviamente le scuole superiori, la didattica avverrà invece totalmente a distanza, ad eccezione dei ragazzi con bisogni educativi speciali. Per tutti gli alunni e gli studenti di età superiore ai 6 anni che frequentano le lezioni in presenza, inoltre, sarà obbligatorio indossare la mascherina di protezione naso-bocca.

 

Per quanto riguarda, invece, il resto del territorio altoatesino, rimangono in vigore le misure previste dall'ordinanza provinciale numero 63: lezioni in presenza (con obbligo di indossare la mascherina dai 6 anni in poi) per assistenza all'infanzia, scuole materne, scuole elementari e scuole medie, didattica a distanza al 100% per le scuole superiore tranne che per ragazze e ragazzi con bisogni educativi speciali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

21 January - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 January - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato