Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, per sfuggire ai controlli dà il nome di un’altra ragazza ma il carabiniere la conosce: denunciata

La 18enne, dopo essere stata scoperta, ha aggredito i carabinieri con calci e sputi, solo grande fatica i militari sono riusciti a bloccarla. La giovane è stata denunciata per 6 capi d’accusa

Pubblicato il - 22 April 2020 - 14:54

SELVA DI GARDENA (BZ). Un controllo di routine degenerato in una vera e propria aggressione, questo in estrema sintesi quanto accaduto a Selva di Val Gardena dove, mercoledì 22 aprile, i carabinieri erano impegnati a pattugliare il territorio per verificare il rispetto delle norme che limitano gli spostamenti.

 

Erano all’incirca le 2e20 quando la pattuglia dei militari ha incrociato due persone che stavano camminando lungo la strada al buio: a quel punto si sono fermati per identificare i due giovani. Uno dei due, un ragazzo che tutt’ora resta ignoto, alla vista dei militari è fuggito lanciandosi nel limitrofo bosco e facendo perdere le proprie tracce.

 

L’altra persona, una ragazza, alla richiesta di fornire le proprie generalità ha dato nome e cognome di una sua conoscente. “Purtroppo per lei – fanno sapere i carabinieri – la val Gardena non è propriamente una metropoli e uno dei due carabinieri ha scoperto subito la bugia poiché conosceva la persona indicata”. Insospettiti oltre che dalla bugia anche dall’atteggiamento della giovane che appariva in stato di confusione, i carabinieri le hanno chiesto di esibire un documento d’identità.

 

La giovane, fino a quel momento tranquilla si è scagliata contro i due carabinieri che solo con grande fatica sono riusciti a bloccarla mentre cercavano di evitare calci e sputi della donna. Sul posto sono prontamente intervenuti gli operatori della croce bianca di Santa Cristina Valgardena che assieme ai militari hanno accompagnato la ragazza all’ospedale civile di Bolzano dove la stessa, ancora fortemente agitata, è stata sedata e ricoverata in osservazione.

 

I carabinieri hanno anche trovato un grammo di marijuana nelle tasche della sospetta. La giovane è stata identificata: si tratta di una 18enne di Selva, dopodiché è stata denunciata per i reati di violenza, resistenza, minaccia, oltraggio e lesioni a un pubblico ufficiale, rifiuto d’indicazioni sulla propria identità, falsa attestazione sulla identità propria personale. La ragazza è stata anche segnalata per detenzione di stupefacenti per uso personale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 January - 05:01

Nell'arco di due settimane si dovrebbe completare la seconda fase di somministrazione nelle Rsa Trentine. Nei prossimi giorni è stato chiesto un tavolo con la Provincia per ridiscutere assieme i protocolli di sicurezza e consentire una riapertura graduale delle strutture consentendo anche un ritorno degli abbracci

26 January - 07:54

Ieri a parlare è stato lo zio del giovane indagato per l’omicidio dei genitori e l’occultamento dei cadaveri dichiarando che secondo lui "Sicuramente non è stato un allontanamento volontario o un incidente" e sulla possibilità che i due corpi siano nel fiume ha dichiarato che potrebbe essere anche un depistaggio 

25 January - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato