Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, proroga dello stato di emergenza con un nuovo Dpcm? Il Codacons: ''Pronti a ricorrere a Tar e Consulta''

Per Carlo Rienzi: "La limitazione dei diritti costituzionale dei cittadini può avvenire solo con il Parlamento"

Pubblicato il - 12 luglio 2020 - 13:54

TRENTO. Il Codacons è pronto a ricorrere al Tar e alla Consulta nel caso in cui il Governo decisa di prorogare, attraverso un nuovo Dpcm, lo stato di emergenza legato a Covid19.

 

A confermarlo è stato il presidente Carlo Rienzi. “Come già hanno fatto notare in molti, la proroga dello stato di emergenza disposta attraverso Dpcm e senza una precisa legge sottoposta al vaglio del Parlamento realizzerebbe una grave lesione della democrazia che non appare in alcun modo giustificata da un reale stato di necessità" ha spiegato Rienzi.

 

Per il Codacons, in caso in cui l'emergenza sanitaria dovesse andare avanti, qualsiasi misura sullo stato di emergenza dovrebbe prevedere le condizioni certe e precise in presenza delle quali far scattare i limiti ai diritti dei cittadini costituzionalmente garantiti, come la libertà di spostamento, limitazioni fisiche e imposizioni varie, e le deroghe al ricorso dell’autorità giudiziaria.

 

“Per tale motivo riteniamo che una proroga dello stato di emergenza debba essere decisa dal Parlamento su proposta dell’esecutivo, e se il Governo sceglierà altre strade violando le regole democratiche il Codacons presenterà ricorso al Tar del Lazio e alla Consulta” conclude Rienzi.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato