Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, si va verso un solo tampone negativo per essere guariti da Covid-19 e una quarantena a 10 giorni

I test potrebbero poi essere utilizzati per eseguire più analisi su altre persone. Disposizioni prese in sede di Comitato tecnico scientifico in attesta del nuovo Dpcm

Pubblicato il - 11 ottobre 2020 - 21:23

ROMA. La quarantena scende da 14 a 10 giorni e basta un tampone negativo per dichiarare la guarigione di un paziente Covid-19. Queste le indicazioni che sembrano emergere dal Comitato tecnico scientifico convocato dal governo che si prepara a un nuovo Dpcm (Qui articolo).

 

La novità del tampone singolo, soluzione molto caldeggiata dal ministro Roberto Speranza, cambierebbe la gestione della pandemia.

 

Una decisione presa per ridurre la pressione sul sistema dei tamponi e ridurre l'isolamento delle persone. I test potrebbero poi essere utilizzati per eseguire più analisi su altre persone. In questo senso anche l'Oms aveva dato indicazioni quest'estate che si sarebbe potuti procedere in questo modo. 

 

Si va anche verso la riduzione del periodo di isolamento fiduciario per chi è entrato in contatto con un positivo. Una soluzione già adottata in Germania. 

 

Nel frattempo il ministro Francesco Boccia ha convocato per lunedì 12 ottobre le Regioni per un confronto prima del via libera al nuovo Decreto del presidente del ministri. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 13:44

L'allerta è scattata intorno alle 12.45 di oggi, sabato 23 gennaio, in zona del Dosso Costalta, parte sud-occidentale del Lagorai tra l’altopiano di Pinè e la val dei Mocheni. Sono in corso le operazioni e le attività di soccorso

23 gennaio - 12:41

A oltre 80 anni dalla firma apposta da suo bisnonno Vittorio Emanuele III alle leggi razziali, l'erede di casa Savoia Vittorio Emanuele III ha voluto inviare una lettera di scuse alla comunità ebraica italiana. "E' arrivato il momento di fare i conti con la Storia". Ma perché questo gesto? 

23 gennaio - 14:00

E' stata coinvolta una strada che era, però, già stata chiusa nella giornata di ieri per motivi di sicurezza. Non sono state coinvolte fortunatamente persone 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato