Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, violano la quarantena per aprire il proprio negozio ma vengono scoperti dai carabinieri: multa da 800 euro

E' successo nel bassanese, il negozio era stato chiuso una decina di giorni fa e i proprietari dovevano trovarsi in quarantena ma hanno violato le norme

Pubblicato il - 20 November 2020 - 16:02

BASSANO. Dovevano rimanere in quarantena ed invece di rispettare la misura hanno deciso di uscire di casa per aprire il negozio.

 

E' successo a Bassano del Grappa e i titolari sono stati multati con 800 euro. Si tratta di un salone di parrucchieri.

 

Circa 10 giorni fa durante alcuni controlli era stata disposta la chiusura del negozio e messo in quarantena i titolari.

 

Ieri, però, è arrivata la sorpresa. Militari e ispettori del servizio di prevenzione, igiene e sicurezza negli ambienti di lavoro, si sono accorti che l'attività era aperta.

 

I titolari si trovavano all'interno e avevano violato il periodo di quarantena. Per questo motivo l'attività commerciale è stata fatta richiudere ed è arrivata la multa di 800 euro. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

22 January - 10:25

Il personale vaccinato è di 82 unità su 95 (86%) tra operatori sanitari e assistenziali. Da questa settimana riprendono le visite con le solite regole, per gli ospiti che possono riceverle

21 January - 20:07

Il governo di piazza Dante intanto intende proseguire nell'attuazione della legge. Tonina: "Il ricorso del governo non impedisce agli uffici provinciale di avviare il percorso preparatorio alle gare in attuazione della legge". La Uil critica il metodo: "Altro impasse. Come per la A22 la Giunta Fugatti pare si incaponisca nella difesa degli azionisti privati. Affrontare la questione con serietà per il futuro del Trentino"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato