Contenuto sponsorizzato

Disastro ambientale in Siberia (IL VIDEO), 20 mila tonnellate di diesel e lubrificanti devastano il fiume Ambarnaya

Secondo i media russi si tratta del secondo più grave incidente della storia della Russia moderna. Putin avrebbe saputo la notizia solo dai social ed ha quindi subito dopo decretato lo stato di emergenza

Pubblicato il - 04 giugno 2020 - 17:26

NORILSK. Il fiume che si colora di rosso e che si trasforma in una densa macchia d'olio e carburante che si sposta lenta ma inesorabile seguendo la corrente. Putin ha già dichiarato lo stato di emergenza dopo che 20 mila tonnellate di combustibile diesel e lubrificanti si sono riversati nel fiume Ambarnaya, in Siberia: un fiume prezioso sul Circolo polare artico, foss'anche solo per il fatto che rifornisce di acqua potabile la città di Norilsk.

 

Secondo i media russi si tratta del secondo più grave incidente della storia della Russia moderna dopo la fuoriuscita di greggio proseguita per diversi mesi nel 1994, nella regione di Komi. Il danno è stato provocato “dal crollo improvviso dei pilastri sui quali poggiava'' la piattaforma di contenimento dei carburanti, come ha spiegato in un comunicato il colosso minerario Norilsk Nickel, proprietario dell'azienda che gestisce la centrale (e come riporta il Siberian Times).

 

Piattaforma che aveva ''retto senza difficoltà per 30 anni'', ha aggiunto la società che ipotizza possa anche esserci stata una modifica nello strato di permafrost sul quale sorge la centrale elettrica e la città di Norilsk. Ma se la causa ancora è incerta quel che è sicuro, al momento, è il disastro ambientale in atto.

 

 

Ed è giallo anche sulla catena di comunicazione. Putin, infatti, avrebbe scoperto direttamente dai social dell'accaduto perché l'azienda non avrebbe informato il Cremlino dell'accaduto. Ora lo stato di emergenza è stato decretato e una diga galleggiante è stata installata per bloccare il flusso dell'acqua e fermare l'enorme macchia di oli evitando, così, che il carburante raggiunga il lago situato a nord della città di Norilsk.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 11:43

I risultati saranno validati dalla commissione elettorale il 30 novembre e gli eletti rimarranno in carica per due anni. In leggero calo Udu ma si registra una importante affluenza con quasi il 40% degli studenti che hanno votato grazie al sistema dei seggi elettronici. E sulla destra l'Unione degli Universitari spiega: "Hanno tentato di nascondere candidati affiliati a partiti che attaccano i diritti degli studenti''

27 novembre - 12:04

Questo pomeriggio sono attesi gli annunci del presidente della Provincia che, dopo lo screening di massa, voleva dare un segnale alla popolazione tornando ad aprire alcune attività. Ma il quadro del contagio resta nero 

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato