Contenuto sponsorizzato

Dopo oltre trent'anni chiude una delle storiche cartolerie di Trento: ''Il coronavirus ha imposto delle scelte. Ci concentriamo sul CartoToys in via S. Pietro''

Si chiude una parentesi storica per continuare l'avventura e rinnovarsi. Dopo l'apertura nel 2009 del punto vendita a Bolzano, nel 2019 CartoToys apre un secondo locale a Trento e ora resterà aperta solo una delle due sedi. Raffaella Maffia: "Il rapporto è diventato più diretto. Il modo di lavorare è diverso: le prenotazioni e gli ordini arrivano naturalmente anche fuori dal consueto orario di attività. Non vediamo l'ora di rivedere i nostri clienti"

Di Luca Andreazza - 17 maggio 2020 - 19:54

TRENTO. Si abbassa la serranda di CartoToys in piazza Silvio Pellico a Trento. Ma non è un addio. Anzi, la famiglia Maffia rilancia. Da oltre trent'anni punto di riferimento per giocattoli e prodotti di cartoleria per la scuola, l'attività prosegue in via San Pietro nel capoluogo e in via Palermo a Bolzano.

 

Si chiude solo una parentesi per continuare l'avventura e rinnovarsi. "E' una scelta molto difficile che non è solo legata all'emergenza coronavirus, anche se questa epidemia ha accelerato determinati processi e alcune riflessioni. Abbiamo semplicemente anticipato i tempi di questa decisione sofferta", dice Raffaella Maffia, titolare del punto vendita in città.

 

Una nuova tappa per l'impresa familiare che è sempre riuscita a sperimentare e innovarsi per restare tra le principali scelte per i trentini in materia giocattoli e materiale per alunni e studenti. Passo dopo passo, una storia in costante crescita e affermazione, tanto che nel 2009 CartoToys apre a Bolzano sotto la gestione della sorella Marika, mentre nel 2019 viene raddoppiato il punto vendita a Trento con la saracinesca che si è alzata in via San Pietro. 

 

"L'anno scorso - prosegue Maffia - abbiamo avviato un percorso e abbiamo aperto una riflessione sul locale in piazza Pellicoavremmo comunque voluto aspettare a prendere determinate decisioni ma questa epidemia ha accelerato le dinamiche. Il lockdown e l'impossibilità a rinegoziare il contratto d'affitto ci ha portato a rivedere i piani e anticipare questa scelta. La naturale scadenza dell'accordo con la proprietà dell'immobile ci ha spinto a chiudere questo spazio, una scelta nell'aria ma comunque difficile e dolorosa per il forte legame affettivo con questo negozio".

 

Un ulteriore cambiamento tra tanti adattamenti. CartoToys è stata, infatti, tra le prime realtà a modificare formula per proseguire l'attività e puntare sulle consegnare a domicilio per portare direttamente i prodotti a casa nel corso del lockdown.

 

"Il rapporto è diventato più diretto. Il modo di lavorare è diverso - evidenzia Maffia - le prenotazioni e gli ordini arrivano naturalmente anche fuori dal consueto orario di attività. Le distanze si sono in un certo senso accorciate e si diventa operativi quasi ventiquattro ore su ventiquattro. Siamo rimasti davvero molto contenti per la vicinanza, per l'affetto e per il rapporto di fiducia dei nostri clienti, che non vediamo l'ora di rivedere personalmente".

 

Un'attività che è riuscita a reggere sul doppio fronte, anche a Bolzano il negozio è riuscito a difendersi in questo periodo particolarmente duro. "A Trento - dice - abbiamo scelto un punto centrale e ampio, disponiamo di almeno 100 metri quadri. In Alto Adige ci siamo concentrati in una zona più residenziale e un magazzino per il rifornimento di prodotti e materiali. La frequentazione fisica è stata maggiore, questo complice la presenza di più famiglie rispetto al centro storico e l'allentamento anticipato di alcune restrizioni".  

Spesso, inoltre, i tempi difficili portano anche tante opportunità. E nonostante le incertezze, la famiglia Maffia è rimasta propositiva e non ha rinunciato a mettere in campo idee passione. "Questo lavoro ci tiene a contatto con le persone e i bambini. Nel negozio di via San Pietro si può sperimentare il mondo didattico a 360 gradi tra laboratori e giochi linguistici: un progetto che intendiamo sviluppare non appena le regole consentiranno questo step, un'iniziativa nella quale crediamo molto. Intanto ci siamo organizzati per riaprire tra pulizie e sanificazioni degli ambienti. La sicurezza dei clienti è ovviamente al primo posto". 

 

Sono diversi i progetti in cantiere e questo 2020 porta comunque tante novità. "La tecnologia legata ai social e alla messaggistica è stata ovviamente fondamentale in questa fase. Il passo successivo è il restyling del sito, che è ormai imprescindibile. L'intenzione è quella di creare una vetrina accattivante e un portale più e-commerce e moderno. Non abbandoniamo la 'vecchia scuola' e il contatto diretto, però presidiare tutti i canali, compresa la vendita online può completare i punti di forza della nostra attività. Il futuro è difficile ma possibile", conclude Maffia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

28 ottobre - 18:46

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 191 positivi a fronte dell'analisi di 2.761 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,9%. Tra i nuovi contagiati, 128 persone presentano sintomi, circa il 67% dei positivi totali. Sono 116 le classi in isolamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato