Contenuto sponsorizzato

Due violenti roghi stanno divorando ettari di bosco al confine con il Trentino. Canadair e vigili del fuoco in azione

L’incendio è scoppiato a ridosso del confine con il Trentino, nonostante i grandissimi sforzi dei vigili del fuoco le fiamme non sono ancora state domate. Per tutto il giorno sono entrati in azione anche canadair ed elicotteri

Pubblicato il - 26 febbraio 2020 - 16:41

CASTO (BS). Nella notte le fiamme hanno illuminato il cielo di rosso, è successo ieri notte quando tra Casto, Lodrino e Bione, due comuni della Valsabbia a ridosso del confine con il Trentino, sono scoppiati due violenti incendi.

 

Il fronte del fuoco era così esteso che i vigili del fuoco intervenuti non sono ancora riusciti a spegnerlo. Come se non bastasse il vento di quest’oggi ha complicato ulteriormente le operazioni di spegnimento.

 

A dar man forte ai pompieri sul terreno sono arrivati sia due canadair che un elicottero attrezzato per lo spegnimento degli incendi. L’aeroplano è stato avvistato fare il pieno d’acqua nel lago di Garda. Mentre altri velivoli hanno optato per il vicino lago d’Idro.

 

L’area dell’incendio è ancora molto estesa, nonostante i grandi sforzi dei vigili del fuoco, fumo e fiamme sono stati per tutto il giorno ben visibili anche da molti chilometri di distanza.

 

Seconda una prima ricostruzione le fiamme sarebbero divampate tra la valle Regassina e la località di Corna di Savallo. Sul posto, oltre a diverse squadre dei vigili del fuoco, sono intervenuti anche i carabinieri forestali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato