Contenuto sponsorizzato

Elisa aveva appena salutato i figli di 10 e 8 anni e il marito. Poco dopo è precipitata in un canalone perdendo la vita

E' successo Valle Aurina. La donna, con il marito e i due figli, aveva deciso di fare una escursione. Ad un certo punto la famiglia si è divisa e la donna ha proseguito il sentiero. Poi la tragedia

Pubblicato il - 24 giugno 2020 - 14:27

BOLZANO. Si chiama  Elisa Montanucci, la donna di 40 anni, originaria del trevisano, che è morta dopo essere precipitata in un canalone durante una escursione in valle Aurina.

 

Madre di due figli, di 8 e 10 anni, assieme a loro e al marito ieri pomeriggio si erano portati lungo in sentiero verso il lago di Gries, a oltre 2500 metri di quota.

 

Erano partiti nel pomeriggio ma ad un certo punto il padre assieme ai bambini ha deciso di far ritorno mentre Elisa ha proseguito la gita. Secondo le ultime informazioni, l'ultimo contatto telefonico sarebbe avvenuto attorno alle 16. Successivamente non si è più riusciti a contattarla.

 

Il marito, non vedendola più tornare, ha dato l'allarme. I carabinieri hanno rintracciato il segnale del telefonino e sul posto si sono portati con l'elicottero i soccorritori.

 

La donna è stata trovata ai piedi di un salto di una cinquantina di metri. Probabile che sia scivolata nella ghiaia presente per poi precipitare. Purtroppo, all'arrivo dei soccorritori, per la donna non si è potuto far altro che constatare la morte.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 10:04

I dati sono stati forniti dall'azienda sanitaria altoatesina che ha analizzato 1479 tamponi. Sono 26 le persone ricoverati in ospedale 

26 settembre - 05:01

I deputati Sutto e Binelli alle comunali hanno raccolto rispettivamente 45 e 113 preferenze, avrebbero dovuto tirare la volata ma alla fine sono stati trascinati in Consiglio dai candidati locali. Male le candidate sindache leghiste Cattoi ad Ala, Ceccato a Lavis e Parisi a Comano: nessuna supera supera il 30%

25 settembre - 19:17

Nel 2015 era stata la più giovane consigliera eletta in Regione. Ora la sua riconferma con Europa Verde che si è presentata per la prima volta. "Il centrodestra in questa campagna elettorale non ha raccontato un progetto di Veneto. Per batterli bisogna allacciare rapporti, bisogna partire dalle zone abbandonate e lasciate a loro stesse, scendere in strada". 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato