Contenuto sponsorizzato

Entrano in un bar aperto fuori dall'orario consentito, si ubriacano e aggrediscono i carabinieri. Due persone arrestate e locale chiuso per cinque giorni

I due militari hanno notato che l’esercizio commerciale era aperto, si sono fermati per verificarne il motivo visto che tutti gli esercizi in questi giorni possono tenere aperto al massimo fino alle ore 22, come disposto dalla legge provinciale dell'8 maggio 2020

Pubblicato il - 14 May 2020 - 09:50

BOLZANO. Ubriachi in un locale aperto oltre l'orario consentito e alla richiesta dei documenti hanno anche aggredito i carabinieri. A finire nei guai sono due uomini denunciati per violenza e resistenza a un pubblico ufficiale. Il fatto è avvenuto ieri sera poco dopo le 23, una pattuglia dei carabinieri di Sarentino, nel girare per il territorio comunale al fine di prevenire e reprimere i reati in genere, è transitata da una via appena fuori dal centro urbano del capoluogo comunale, davanti a un bar.

 

I due militari hanno notato che l’esercizio commerciale era aperto, si sono fermati per verificarne il motivo visto che tutti gli esercizi in questi giorni possono tenere aperto al massimo fino alle ore 22, come disposto dalla legge provinciale dell'8 maggio 2020.

 

Entrati, hanno chiesto ai presenti di identificarsi fornendo i rispettivi documenti d’identità. Un uomo, però, visibilmente alterato dall’alcol, ha risposto che lui non era minimamente intenzionato a fornire le proprie generalità, anzi invitava i militari a seguirlo fuori.

 

All'esterno del locale è scattata l'aggressione del soggetto nei confronti dei militari prima spingendo un carabinieri a terra e poi lanciando contro un'altra componente della pattuglia, spintonandola violentemente.

 

L'uomo poco dopo è stato bloccato e ammanettato. I due militari hanno quindi chiamato rinforzi ed è prontamente giunto sul posto il comandante della stazione di Sarentino oltre che un’altra autopattuglia da Bolzano.

 

Nel frattempo dal locale è uscito un altro soggetto visibilmente sotto l'effetto dell'alcol e pure senza alcuna protezione su naso e bocca.

 

Anche in questo caso il soggetto ha aggredito i carabinieri che però sono riusciti a bloccarlo e ammanettarlo, caricandolo infine sull’altra auto. Nemmeno l’intervento della barista, che ha cercato di riportarlo alla calma, aveva potuto avere alcun effetto.

 

I due sarentini sono stati dichiarati in stato di arresto e, dopo le procedure di identificazione e avvisato il pubblico ministero, sono stati collocati agli arresti nei rispettivi domicili.

 

Contro di loro le accuse di violenza e resistenza a un pubblico ufficiale, rifiuto d'indicazioni sulla propria identità personale e ubriachezza manifesta. Sono stati sanzionati per le violazione del divieto di assembramento e dell’obbligo di coprirsi le vie respiratorie imposti dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26 aprile 2020 e dalla legge provinciale della Provincia autonoma di Bolzano n. 8 dell’8 maggio 2020.

 

Ad essere sanzionati per la violazione della stessa norma primaria, a vario titolo, anche gli altri avventori, la barista e il titolare. A quest’ultimo è stata anche imposta e notificata una chiusura provvisoria dell’attività per cinque giorni.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 19:36
Trovati 13 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 38 guarigioni. Sono 1.342 i casi attivi sul territorio provinciale
Ambiente
19 aprile - 18:35
L'incontro tra il plantigrado e l'escursionista, documentato da un video pubblicato da quest'ultimo su Facebook, è avvenuto ieri fra i boschi [...]
Cronaca
19 aprile - 19:27
Le ricerche erano cominciate già ieri ma si erano concluse senza esito. Questa mattina il corpo dell'animale è stato trovato purtroppo senza vita
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato