Contenuto sponsorizzato

Fumo altissimo sopra Levico, incendio nel bosco. Sul posto molti corpi dei vigili del fuoco

Il clima secco di questi giorni e la zona dove si stanno sviluppando le fiamme, colpita in passato dagli schianti di Vaia, stanno rendendo molto difficili le operazioni di spegnimento

Pubblicato il - 24 marzo 2020 - 11:54

LEVICO TERME. Una fitta colonna di fumo si sta alzando da sopra Levico Terme. Il fumo è ben visibile da tutto il paese e anche dal resto della vallata. Si tratterebbe di un incendio boschivo ma c'è molta apprensione perché le abitazioni non sono lontane e quindi sul posto si stanno portando in massa i vigili del fuoco con i corpi di Pergine, Levico, Calceranica e quelli della zona.

 

 

Le fiamme stanno divorando porzioni di bosco in un area che era stata colpita fortemente dagli schianti di Vaia di una anno e mezzo fa e che ancora presenta diversi arbusti al suolo e il clima secco delle ultime settimane sta favorendo il diffondersi del fuoco.

 

 

Per questo l'intervento dei pompieri è di massima importanza e sul posto stanno operando molti vigili del fuoco, pur nelle difficoltà del momento legato al coronavirus e quindi alla necessità di rispettare regole diverse d'ingaggio (con distanze e maggiori precauzioni rispetto alla normalità).

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 agosto - 11:01

L'allarme è partito alle 17 e lo hanno lanciato i due ragazzi inglesi che si trovavano in difficoltà, un 27enne e un 30enne. I due, partiti alle 3 di notte erano stremati (uno anche ferito) bloccati in parete, ma il cellulare non prendeva e le condizioni climatiche non permettevano grandi interventi dell'elicottero. Poi la situazione è peggiorata: ecco il racconto anche con le IMMAGINI

14 agosto - 12:19

Al 30enne gli è stato ordinato di rientrare in casa. Aveva comunicato all'azienda sanitaria la sua posizione ma aveva deciso di lasciare la quarantena anticipatamente 

14 agosto - 09:42

E' successo nei giorni scorsi quando alcuni cittadini hanno avvisato la società che gestisce il campo della presenza di una ventina di ragazzi che stavano giocando. Non ci possono essere assembramenti per evitare contagi da covid19 e la società ha deciso di chiudere il campo per una giornata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato