Contenuto sponsorizzato

Gli Alpini trentini ripartono con il neo presidente Paolo Frizzi: nominata la squadra

Tante riconferme ma anche forze nuove per i progetti delle penne nere trentine. Renzo Merler, già vicepresidente nell'ultimo mandato Pinamonti, è stato nominato vicepresidente vicario con delega ai rapporti con zone e gruppi

Pubblicato il - 11 July 2020 - 16:18

TRENTO. “Vi è necessità da un lato di proseguire e ultimare le opere che sono state iniziate sotto la presidenza Pinamonti, dall'altro di dare vita a diverse iniziative che richiedono nuove e diverse competenze” questo il messaggio che è stato lanciato dal neo presidente dell'Ana trentina Paolo Frizzi che nelle scorse ore ha presentata la nuova squadra che lo affiancherà nel triennio 2020-2022 alla guida dei 23.544 associati .

 

Tra i 20 consiglieri eletti domenica 21 giugno nella prima assemblea telematica della storia della Sezione, sono state ufficializzate le nuove cariche sociali. Renzo Merler, già vicepresidente nell'ultimo mandato Pinamonti, è stato nominato vicepresidente vicario con delega ai rapporti con zone e gruppi. Gli altri due vicepresidenti saranno Renato Loss, già consigliere sezionale e alpino del Gruppo di Caoria, una delle realtà più periferiche nella geografia associativa della sezione, e Claudio Panizza, per anni capogruppo del gruppo Ana di Vermiglio, fondatore dei Nuvola della Val di Sole e già consigliere sezionale, che avrà la delega della Protezione Civile.


Nel comitato di presidenza anche Stelvio Boscarato, consigliere segretario che avrà delega per lo spazio museale di Torre Vanga, Mirko Tezzele, confermato nel ruolo di tesoriere, e Rocco Coletta, una new entry, che sarà direttore di Sezione.

 

Il nuovo consiglio direttivo è composto poi da Marino Zorzi, scelto come responsabile Sport (coadiuvato da Enrico Boi e Corrado Zanon), Gregorio Pezzato, nominato responsabile del Centro Studi, Scuole e Mostre oltre che responsabile sanitario, Carlo Frigo, responsabile della Commissione Centenario e referente per il progetto “Bosco della Memoria” (coadiuvato da Vincenzo D’Angelo e Stelvio Boscarato), e Roberto Bertuol, responsabile Cerimoniale, Museo Doss Trento e Commissione Legale e Immobili. A completare l'organigramma sezionale: Alberto Penasa, riconfermato direttore del periodico Doss Trent, Enrico Boi, referente del Gruppo Giovani e Futuro Associativo, Vincenzo D’Angelo, responsabile sito internet ed aggiornamento informatico Uffici, Stefano Zanghellini, referente Cori e Fanfare, Paolo Slaghenaufi, punto di riferimento per la Chiesa di S. Zita, Luciano Rinaldi, referente per Castel Dante, e Tullio Dellagiacoma, referente per il Rifugio Contrin.

 

Inserito tra i presidenti emeriti – accanto a Giuseppe Demattè – l'ex presidente Maurizio PinamontiMauro Bondi continuerà ad essere il consigliere nazionale di riferimento della Sezione; Roberto Bertuol sarà lo speaker ufficiale; Vincenzo Fiumara l'alfiere sezionale.

Infine, eletto il nuovo Collegio dei Probiviri, composto da Andrea Bezzi, Giovanni Battista Tomasi e Piergiorgio Pizzedaz.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
20 giugno - 14:29
Sul palco della manifestazione “Prima l'Italia”, insieme al leader del Carroccio Matteo Salvini e agli altri governatori leghisti, il [...]
Cronaca
20 giugno - 13:32
Nelle ultime ore si è fatta largo l’ipotesi di un incidente avvenuto nelle acque del lago di Garda con un motoscafo che avrebbe travolto la [...]
Ambiente
20 giugno - 11:59
Il progressivo scioglimento della banchisa fa sì che sempre più acqua sia esposta al calore del sole, in un circolo vizioso che porta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato