Contenuto sponsorizzato

Leo e Rosina, un amore di 76 anni distrutto dal coronavirus. Morti a poche ore di distanza e se ne va anche il genero

All'inizio della scorsa settimana i due anziani erano stati ricoverati assieme all'ospedale di Bolzano. Da quel momento non hanno più potuto vedere i propri famigliari. Sono morti a poche ore di distanza l'uno dall'altro

Pubblicato il - 25 marzo 2020 - 10:03

BOLZANO. Una storia d'amore durata 76 anni e che ora è stata distrutta drammaticamente dal coronavirus. E' la storia di Rosina Gariano, 93 anni, e Leo Balsano, 98, che ha commosso l'Alto Adige.

 

I due abitavano a Bolzano, molto attivi nella comunità, avevano aiutato anche la figlia nel portare avanti la pizzeria La Grolla e il bar Moretti.

 

All'inizio della scorsa settimana sono risultati positivi al coronavirus e assieme sono stati portati in ospedale da dove, purtroppo, non hanno più potuto vedere alcun famigliare. Un dramma nel dramma che va ad intaccare quei forti e importanti legami che ci sono ancora in alcune famiglie.

 

Le loro condizioni si sono aggravate giorno dopo giorno. Leo e Rosina sono morti, da soli purtroppo, a poche ore di distanza.

 

Un amore vero che è durato 76 anni e che ora continuerà a durare in eterno. “Sarete sempre il mio esempio” ha scritto su Facebook il nipote Mario Baietta.

 

Il dramma per questa famiglia non è però terminato con la morte di Leo e Rosina. Ieri, infatti, è arrivata l'ennesima brutta notizia. A 73 anni se ne è andato anche Sante Vanzetto il genero di Leo e Rosina, marito della loro figlia Vittorina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 agosto - 12:28

Lo scandalo dei politici già pagati dai cittadini suoi 10.000 euro lordi al mese che hanno anche fatto la richiesta dei 600 euro destinati a chi era in difficoltà a mettere qualcosa nel piatto e a pagare le bollette sta coinvolgendo tutto il Paese con la Lega su tutti che, però, sta avendo il buon senso di sospendere e stigmatizzare i ''suoi'' che hanno approfittato delle maglie larghe del bonus. In Alto Adige (dove sono 4 i consiglieri provinciali coinvolti), invece, tutto sembra destinato a risolversi con uno scusate, li restituiamo e siamo pari

14 agosto - 12:19

Al 30enne gli è stato ordinato di rientrare in casa. Aveva comunicato all'azienda sanitaria la sua posizione ma aveva deciso di lasciare la quarantena anticipatamente 

14 agosto - 09:42

E' successo nei giorni scorsi quando alcuni cittadini hanno avvisato la società che gestisce il campo della presenza di una ventina di ragazzi che stavano giocando. Non ci possono essere assembramenti per evitare contagi da covid19 e la società ha deciso di chiudere il campo per una giornata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato