Contenuto sponsorizzato

Leo e Rosina, un amore di 76 anni distrutto dal coronavirus. Morti a poche ore di distanza e se ne va anche il genero

All'inizio della scorsa settimana i due anziani erano stati ricoverati assieme all'ospedale di Bolzano. Da quel momento non hanno più potuto vedere i propri famigliari. Sono morti a poche ore di distanza l'uno dall'altro

Pubblicato il - 25 March 2020 - 10:03

BOLZANO. Una storia d'amore durata 76 anni e che ora è stata distrutta drammaticamente dal coronavirus. E' la storia di Rosina Gariano, 93 anni, e Leo Balsano, 98, che ha commosso l'Alto Adige.

 

I due abitavano a Bolzano, molto attivi nella comunità, avevano aiutato anche la figlia nel portare avanti la pizzeria La Grolla e il bar Moretti.

 

All'inizio della scorsa settimana sono risultati positivi al coronavirus e assieme sono stati portati in ospedale da dove, purtroppo, non hanno più potuto vedere alcun famigliare. Un dramma nel dramma che va ad intaccare quei forti e importanti legami che ci sono ancora in alcune famiglie.

 

Le loro condizioni si sono aggravate giorno dopo giorno. Leo e Rosina sono morti, da soli purtroppo, a poche ore di distanza.

 

Un amore vero che è durato 76 anni e che ora continuerà a durare in eterno. “Sarete sempre il mio esempio” ha scritto su Facebook il nipote Mario Baietta.

 

Il dramma per questa famiglia non è però terminato con la morte di Leo e Rosina. Ieri, infatti, è arrivata l'ennesima brutta notizia. A 73 anni se ne è andato anche Sante Vanzetto il genero di Leo e Rosina, marito della loro figlia Vittorina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 20:28

Da qualche giorno appare chiaro che sommando i positivi trovati con i molecolari e gli antigenici il Trentino appare in linea (anzi con dati peggiori come per altro sui decessi e le terapie intensive) con l'Alto Adige. Ieri i positivi ''reali'' erano circa 520 (a fronte dei 156 comunicati in conferenza stampa) e sabato erano circa 800 (a fronte dei 219 di Fugatti e Segnana). Da domani anche la Pat dovrebbe fornire i dati completi uniformandosi alla vicina provincia di Bolzano

02 December - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

02 December - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato