Contenuto sponsorizzato

Maltempo in Alto Adige, il paese di Cengeles salvato dai bacini di contenimento. 120.000 euro per ripristinare il torrente Gadria

Nella notte di lunedì forti precipitazioni hanno interessato varie zone della provincia di Bolzano. A Vandoies di sopra fango e detriti hanno invaso il paese. Intervenuti per le operazioni di soccorso, sono stati quasi travolti dal torrente di acqua e fango due vigili del fuoco. Un'autopompa è stata spazzata via per diversi metri. Ripristinata, ieri, la strada del sole della Val Pusteria

Pubblicato il - 12 agosto 2020 - 11:02

BOLZANO. Il maltempo di lunedì notte ha provocato numerose esondazioni in tutto l'Alto Adige oltre ad alcune frane come quella di fango di Vandoies di sopra che, solo per fortuna, non ha causato vittime. Una notte di piogge fortissime delle quali in queste ore si contano i danni. 

 

''I danni materiali - spiega la Provincia di Bolzano - sono stati rilevati nella mattinata grazie al sorvolo della zona con l’elicottero''. E così, questo è il dettaglio: a Lasa si sono verificate frane sul rio di Cengles e sul torrente Gadria. I bacini di contenimento posizionati sopra il paese nella frazione di Cengles sono riusciti a trattenere circa 12.000 metri cubi di materiale, mentre 2.000 metri cubi si sono riversati nel biotopo Tschenglser Au; anche la pista ciclabile è stata invasa dai detriti. Lo smottamento è avvenuto alle 20.30, dopo che alle 20.03 era stato dato l’allarme, riferisce Peter Egger, direttore dell’ufficio Sistemazione bacini montani ovest.

 

 

Verso le 19.30 una frana ha interessato anche il torrente Gadria. Il bacino di contenimento sopra la frazione di Alliz è stato riempito completamente con circa 15.000 metri cubi di materiale, visto che la settimana prima per un’altra frana circa la medesima quantità di detriti avevano raggiunto l’invaso. “Per asportare con la ruspa il materiale franato dai bacini di contenimento è necessario attendere che si asciughi”, spiega il direttore Egger che ha già disposto una misura urgente per i lavori di sgombero con una spesa preventivata in 120.000 euro. "I bacini di contenimento rivestono una grande importanza perché in caso di frana trattengono i materiali detritici prima che raggiungano gli abitati garantendo il deflusso della piena", fa presente Egger.

 

 

In Val Pusteria, invece una frana di fango ha investito il paese di Vandoies di sopra provocando molti danni, ma nessun ferito. Due vigili del fuoco, intervenuti per le operazioni di soccorso, sono stati quasi travolti dal torrente di acqua e fango che si è riversato tra le case, ma, fortunatamente, sono riusciti a mettersi in salvo. Un'autopompa dei vigili del fuoco è stata spazzata via per diversi metri. Fango e acqua hanno allagato strade, piazze e piani terra di case e locali pubblici e le operazioni di sgombero sono durate molte ore. La strada del sole in direzione di Terento era stata travolta da fango e sassi ma è stata riaperta al traffico.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 aprile - 20:52
Emergono le prime misure contenute nella bozza del prossimo decreto legge per fronteggiare l'emergenza Covid. Alcune modifiche potrebbero [...]
Cronaca
20 aprile - 20:27
Trovati 85 positivi, comunicati 4 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 145 guarigioni. Sono 1.278 i casi attivi sul territorio [...]
Cronaca
20 aprile - 19:46
La diminuzione dei contagi consente una rimodulazione all’interno delle strutture sanitarie provinciali, con la possibilità per Borgo e Tione di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato