Contenuto sponsorizzato

Seconda vittima da coronavirus in Trentino, muore don Luigi Trottner

Il sacerdote aveva celebrato l'ultima messa il 3 marzo, quindi aveva accusato i primi sintomi del contagio. Nei giorni scorsi il peggioramento e quindi il ricovero in terapia intensiva a Rovereto. Nelle scorse ore è purtroppo morto. E' il quarto decesso in regione

Pubblicato il - 13 marzo 2020 - 16:13

TRENTO. C'è una seconda vittima da coronavirus in Trentino. E' don Luigi Trottner di 86 anni di Vigo di Fassa e parroco a Campitello

 

Il sacerdote aveva celebrato l'ultima messa il 3 marzo, quindi aveva accusato i primi sintomi del contagio.

 

Nei giorni scorsi il peggioramento e quindi il ricovero in terapia intensiva a Rovereto. Nelle scorse ore è purtroppo morto. 

 

Salgono a quattro le vittime in regione per la pandemia. Ieri è stato comunicato il primo decesso sul territorio provinciale, una 81enne a Borgo.

 

Nella mattinata di oggi, venerdì 13 marzo, è arrivato invece l'annuncio del secondo morto in Alto Adige.

 

Un uomo di 88 anni con patologie pregresse e ricoverato già da domenica scorsa nel reparto di Malattie infettive

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 11:31

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 6.095 casi da inizio epidemia. Ci sono 102 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 31 quelli nelle strutture, mentre sono 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 32 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

24 ottobre - 11:11

Petardi, fumogeni e urla dei manifestanti con il volto coperto, una protesta iniziata in modo pacifica che è degenerata, la piazza è stata conquistata dai gruppi violenti: auto delle forze dell'ordine prese a sprangate, lancio di sassi e bottiglie di vetro, fumogeni e insulti a polizia e carabinieri in assetto antiguerriglia

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato