Contenuto sponsorizzato

Vomito e dolori allo stomaco, dieci ragazzi portati nella notte negli ospedali di Trento e di Cles

Si tratta di due scolaresche che si trovavano in gita a Folgarida. Le autorità sanitarie hanno avviato una indagine epidemiologica per stabilire la causa dell'accaduto

Pubblicato il - 29 gennaio 2020 - 11:11

TRENTO. Sono una decina i ragazzi, tra gli 11 e i 14 anni,  che questa notte sono stati portati in ospedale, otto a Cles e due a Trento, dopo essersi sentiti male ieri sera mentre si trovavano in un hotel a Folgarida.

 

I ragazzi provengono da due scolaresche in gita. Ieri sera, alcuni di loro, hanno iniziato ad avere vomito e problemi gastrici.

 

Immediatamente è stato dato l'allarme e sul posto si sono portati i medici e gli infermieri. Per dieci si è poi scelto il trasferimento in ospedale per dei controlli. Nessuno, però, si trova in condizioni gravi.

 

Le autorità sanitarie hanno avviato una indagine epidemiologica per stabilire la causa dell'accaduto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 04:01

Una seconda ondata del coronavirus che sembra aver preso la direzione di un andamento più ''standardizzato'' per la diffusione di un'epidemia che solitamente si propaga e dovrebbe avere tassi maggiori nelle zone più popolate. E infatti Trento, questa volta sta facendo registrare dei dati molto alti di contagio. In ottobre triplicati i casi di settembre: quasi 10 mila positività da inizio epidemia

29 ottobre - 20:14

Ci sono 118 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 8 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 173 positivi a fronte dell'analisi di 3.132 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,5%

29 ottobre - 20:14

L'appello dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Bisogna cambiare la strategia di sanità pubblica, chiunque presenti una sindrome influenzale si metta in isolamento fino ai risultati dei test"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato