Contenuto sponsorizzato

''Vorrei spararti in bocca'', minacce di morte al governatore Luca Zaia

La notizia è apparsa quest'oggi sui giornali veneti. Già in passato il governatore era stato preso di mira con minacce di morte 

Pubblicato il - 08 November 2020 - 12:11

VENEZIA. Minacce di morte al governatore Luca Zaia. A parlarne per la prima volta in queste settimane sono i giornali veneti dopo che alla fine di settembre nella mail istituzionale del presidente del Veneto è arrivato un messaggio che ha portato poi ad una denuncia alla polizia. “Sei solo e sempre un asino. Vorrei sparati in bocca”.

 

Una situazione sulla quale palazzo Balbi vuole mantenere il massimo riserbo ma per la quale l'Avvocatura regionale si è mossa presentando una denuncia alla polizia postale. La mail sarebbe arrivata alla fine di settembre ma ci sarebbero anche altre minacce arrivate contro il governatore veneto.

 

Si stanno portando avanti, ovviamente, le indagini da parte delle forze dell'ordine per riuscire a rintracciare l'autore della mail e verificare altre situazioni.

 

Nei mesi scorsi, in provincia di Treviso, era comparsa anche una scritta con spray di vernice rossa “A morte Zaia” realizzata da ignoti sulla parete una torretta dell’alta tensione. Anche in quel caso era stata sporta denuncia ai carabinieri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

28 January - 09:58

Sul rientro in Italia lo zio Gianni Forti spiega: "Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa”

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato