Contenuto sponsorizzato

Addio a Guido Conci, protagonista del mondo cooperativo trentino

Roberto Simoni: "E' stato un grande cooperatore ma soprattutto una persona onesta, con un alto senso del dovere e della responsabilità personale e con una capacità non comune di coinvolgimento"

Pubblicato il - 29 January 2021 - 17:10

TRENTO. Lutto nel mondo della cooperazione trentina, a 76 anni si è spento Guido Conci. Per quarant’anni è stato presidente delle Cantine Mezzacorona, che ha condotto con saggezza e visione portandole ad essere un gruppo internazionale tra i più importanti in Italia.

 

Una presidenza vissuta con spirito di servizio, un esempio di cooperazione fortemente ancorata al territorio e alla sua gente ma che ha saputo interpretare in maniera innovativa e originale guardando con coraggio e lungimiranza al futuro della propria comunità.

 

“Guido Conci - ricorda oggi il presidente della Federazione Roberto Simoni – è stato un grande cooperatore ma soprattutto una persona onesta, con un alto senso del dovere e della responsabilità personale e con una capacità non comune di coinvolgimento. Ha esercitato una leadership autorevole intraprendendo un percorso di sviluppo estremamente complesso e ambizioso del Gruppo Mezzacorona, fondato sul ruolo insostituibile dei soci e della loro centralità. La Piana Rotaliana ed il Trentino gli devono molto e la Cittadella del Vino è un fiore all’occhiello di cui tutti oggi andiamo orgogliosi, creata con un avveniristico progetto urbanistico, ambientale, economico e sociale sul sito industriale gravemente compromesso della ex-Samatec. Ha saputo farsi parte attiva di una innovativa visione di sviluppo con l’obiettivo di integrare in maniera virtuosa il turismo, le attività economiche, le realtà del tessuto locale, motivando dirigenti capaci e una base sociale coesa e partecipe, e dimostrando come la viticoltura potesse rappresentare un volano di crescita sostenibile per la comunità”.

 

È stato anche vicepresidente della Federazione, oltre che sindaco di Mezzocorona, interpretando sempre il suo ruolo con discrezione e garbo quasi d’altri tempi. “La sua lezione è molto importante anche per le giovani generazioni, una perdita molto grave per il nostro movimento. Riposi in pace” ha conlcuso Simoni.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 13:35
Con una mail indirizzata “a tutto il personale provinciale (compresi direttori e dirigenti)” la Provincia cerca 120 volontari per seguire le [...]
Cronaca
29 novembre - 15:57
La storia ha velocemente fatto il giro del mondo: i clienti del pub sono all'interno della struttura da venerdì scorso (26 novembre) e solo oggi [...]
Società
29 novembre - 14:01
Dopo la recentissima nomina a Sparkling Wine Producer of the Year 2021 da parte di The Champagne&Sparkling Wine World Championships, Ferrari [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato