Contenuto sponsorizzato

Aumenta il pericolo valanghe in Trentino: "Rischio distaccamenti di grandi dimensioni. Serve prudenza''

L'invito della Protezione civile: "Le escursioni con le racchette da neve e gli sci, così come le discese fuoripista, dovrebbero se possibile essere limitate alle zone poco ripide"

Pubblicato il - 22 gennaio 2021 - 15:14

TRENTO. E' “marcato” il pericolo di valanghe in Trentino a causa della presenza di neve fresca e di forte vento.

 

A partire da oggi, infatti, sono previsti nuovi accumuli di neve da 20 a 50 centimetri e forte vento proveniente dai quadranti sud occidentali.

 

La neve fresca e le grandi quantità di neve ventata rappresenteranno la principale fonte di pericolo.


I nuovi accumuli di neve ventata possono facilmente subire un distacco a tutte le esposizioni. I punti pericolosi sono in parte innevati e difficili da individuare, anche se la formazione di fessure quando si calpesta la coltre di neve e le osservazioni sul territorio confermano la scarsa stabilità del manto nevoso.

 

Sui pendii carichi di neve ventata, anche in prossimità del limite del bosco, sono possibili valanghe asciutte spontanee.

 

Le valanghe possono in parte distaccarsi negli strati più profondi e raggiungere anche grandi dimensioni. Sono ancora possibili valanghe per scivolamento di neve.

 

Sono quindi necessarie molta esperienza nella valutazione del pericolo di valanghe e la massima prudenza. Le escursioni con le racchette da neve e gli sci, così come le discese fuoripista, dovrebbero se possibile essere limitate alle zone poco ripide.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 marzo - 12:27

L'analisi successiva dei fatti da parte delle forze dell'ordine ha lasciato emergere la brutale ipotesi, che tutto ciò sia stato determinato da un respingimento

08 marzo - 12:39

In Trentino sono 1.500 e vengono pagare 7 euro l’ora. Insieme alle loro colleghe e colleghi che puliscono uffici, mezzi di trasporto, scuole, spazi pubblici sono senza rinnovo del contratto da 8 anni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato