Contenuto sponsorizzato

Rischio valanghe in Trentino, grado di pericolo ''4 - Forte'' in gran parte del territorio

La neve fresca degli ultimi due giorni e gli accumuli di neve ventata possono facilmente subire un distacco a tutte le esposizioni e per lo più al di sopra del limite del bosco. I punti pericolosi sono in parte innevati e difficili da individuare

Pubblicato il - 24 gennaio 2021 - 10:30

TRENTO.  E' di livello “4” con “grado forte” il rischio valanghe in gran parte del territorio provinciale. La situazione a seguito nelle nevicare registrate negli ultimi due giorni ha reso la situazione sulle nostre montagne molto delicata e occorre molta prudenza.

 

Già nella giornata di ieri abbiamo visto le numerose valanghe avvenute in tutta la regione e gli interventi eseguiti dal soccorso alpino per portare in salvo alcuni scialpinisti.

 

La neve fresca e le grandi quantità di neve ventata rappresentano la principale fonte di pericolo. In alcuni punti sono possibili valanghe spontanee di medie e, a livello isolato, di grandi dimensioni.

 

La neve fresca degli ultimi due giorni e gli accumuli di neve ventata possono facilmente subire un distacco a tutte le esposizioni e per lo più al di sopra del limite del bosco. I punti pericolosi sono in parte innevati e difficili da individuare.
 

In qualunque momento sono possibili valanghe per scivolamento di neve, anche di dimensioni piuttosto grandi. Ciò soprattutto alle quote di bassa e media montagna. Per le attività sportive invernali, le condizioni sono molto pericolose. Sono importanti attenzione e prudenza.

 

Da venerdì, secondo il report valanghe, sono caduti da 40 a 70 cm di neve, localmente anche di più. In alcuni punti la neve fresca e quella ventata poggiano su strati soffici. Sabato la pioggia mista a neve ha causato a bassa quota diffusamente un inumidimento del manto nevoso.

 

Il Comune di Folgaria, con una nota, raccomanda di evitare la zona della Slist (monte Cornetto), i fuori posta di Fondo Grande (ordinanza di divieto del 10 dicembre scorso), il versante che da Sommo Altp scende verso la Cava Palazzo (Ortesino).

 

Ad intervenire ieri è stato anche il Comune di Trento che ha vietato l'accesso a chiunque e con qualsiasi attrezzo all’area del versante ovest del Monte Mugon a partire dal monte Montesel fino al Monte Palon per pericolo distacco valanghe.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
26 settembre - 15:47
Uno dei pazienti ricoverati negli ultimi giorni nel reparto di rianimazione dell’Ospedale di Rovereto, un uomo vicino ai settant’anni non [...]
Cronaca
26 settembre - 14:14
“Le buste paga di agosto dei consiglieri regionali, con l’adeguamento automatico delle indennità, offendono tutti i lavoratori e pensionati [...]
Cronaca
26 settembre - 11:15
Numerosi i furti anche da minorenne per cui già era stato arrestato lo scorso luglio e poi scarcerato dopo una ventina di giorni in [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato