Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Failoni e Spinelli: ''200 milioni? Immaginario di Dallapiccola, ha la sfera magica?''. L'ex assessore: ''Hanno votato il bilancio, non si sono accorti?''

Botta e risposta sui social tra Failoni e Spinelli da una parte e Dallapiccola dall'altra. La Giunta: "A oggi non si sa assolutamente quanto è l'avanzo e in particolare non si può certo anticipare". Dallapiccola: " In piena crisi si sono tenuti soldi fermi e senza una pianificazione. Nel 2021 l'avanzo a luglio, per trend storico, potrebbe rendere disponibili ulteriori 200 milioni. Quale destino pensa di dare a queste somme la Provincia?"

Di L.A. - 12 January 2021 - 21:58

TRENTO.  "Quelle risorse esistono nell'immaginario di Dallapiccola. Ha per caso la sfera magica?". Così gli assessori Roberto Failoni e Achille Spinelli ribattono (tramite i social) all'esponente del Patt. "Il consigliere chiede subito di investire l'avanzo di amministrazione che si aggira sui 200 milioni di euro per fronteggiare la crisi. Ci aspettiamo da un illustre rappresentante delle istituzioni serietà e un minimo di conoscenza base delle regole. A oggi non si sa assolutamente quanto è l'avanzo e in particolare non si può certo anticipare visto che può essere impegnato solo una volta approvato il rendiconto della Provincia, generalmente in luglio-agosto, dopo un primo passaggio alla Corte dei conti".

A stretto giro arriva la replica dell'ex assessore. "E' un onore che mezza Giunta provinciale si scomodi a rispondere alle umili considerazioni di un consigliere di minoranza. Per la precisione sono 233 milioni che sono avanzati nel 2020 proprio sul bilancio della Provincia che i due preoccupati amministratori si sono votati a fine anno. Non si erano accorti di queste risorse?", spiega Dallapiccola che aggiunge: "E' chiaro che l'avanzo che si determinerà non può essere stanziato in anticipo anche perché la Lega non ha voluto seguire Bolzano con una legge ad hoc ma è importante pianificare l'utilizzo e comunicare agli operatori economici del Trentino quali sono le idee di utilizzo. Forse Failoni e Spinelli non ritengono questo passaggio utile. Il problema è che questa amministrazione, anziché proporre soluzioni, annaspa alla ricerca di qualcuno al quale dare la colpa: non perde occasione di dimostrare scarsa capacità di gestione".

 

Il nodo è quelle risorse, circa 233 milioni, non spesi nel 2020. "Anziché con le bugie e gli insulti - aggiunge Dallapiccola - avrei preferito venir smentito dai dati di fatto. Ma gli assessori leghisti non hanno potuto. Finora, infatti, gli investimenti straordinari sono stati pochi, per non dir nessuno. In piena crisi si sono tenuti soldi fermi e senza una pianificazione. Nel 2021 l'avanzo a luglio, per trend storico, potrebbe rendere disponibili ulteriori 200 milioni. Quale destino pensa di dare a queste somme la Provincia? Perché non si possono già trovare soluzioni idonee?".

L'ex assessore su Il Dolomiti aveva evidenziato la necessità di trattare con Roma per i ristori (Qui articolo). "Ringraziamo per il suggerimento - ribattono Failoni e Spinelli - peccato che sono settimane che abbiamo in corso una trattativa con Roma proprio assieme a Bolzano. Del resto come non mai in questo periodo stiamo tenendo fitti rapporti con il Sudtirolo, oltre che con tutte le altre regioni dell’arco alpino e non solo. D’altra parte, davanti a un governo che non ha per nulla consapevolezza della montagna e della sua economia, è solo con l’unione delle forze che possiamo difendere le nostre prerogative a favore delle tante imprese e lavoratori fortemente danneggiate da questa crisi. Invece di fare polemica, Dallapiccola e il Patt ci aiutino nella difesa dell’autonomia, si uniscano a noi nella richiesta di ristori adeguati al Governo Conte che le Stelle alpine – tra l’altro – sostengono in parlamento".

 

La collaborazione con l'Alto Adige è vista con favore. "Apprendiamo che finalmente si collabora la Provincia di Bolzano: una vera novità, che dona un po’ di luce a questo frangente temporale. Fino a ora, dalla gestione dei test antigenici alla comunicazione dei dati alla popolazione, dall’indebitamento assunto dalle due province, alle politiche sull’A22, sembrava di sentir parlare di due pianeti diversi. Il Patt e le opposizioni provinciali ha sempre teso una mano, ma non siamo mai stati ascoltati e coinvolti dalla maggioranza. Inoltre ricordo che in parlamento c'è una folta pattuglia leghista, evanescente a quanto sembra in quanto non si è a conoscenza di iniziative e attività particolari per difendere l'autonomia trentina. Ovviamente c'è il sostegno pieno alle categorie economiche in difficoltà e la speranza è che si possano trovare risposte ai dubbi", conclude Dallapiccola.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 luglio - 19:58
L'intervento, grazie al quale l'aeroporto della Città scaligera avrà un terminal passeggeri di ultima generazione, dovrebbe concludersi per la [...]
Cronaca
28 luglio - 18:37
L'omicidio è avvenuto la scorsa notte in un appartamento nel centro storico di Brunico. Sono in corso le indagini dei carabinieri per ricostruire [...]
Cronaca
28 luglio - 19:25
Subito è intervenuto il soccorso alpino con il supporto dell'elicottero d'emergenza Pelikan 2. Per l'uomo, però, non c'è stato nulla da fare
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato