Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Alto Adige nuove misure per contenere i contagi: Uso mascherina Ffp2 e chiusura completa per i bar. Kompatscher: ''Situazione seria, restate a casa''

Il presidente Kompatscher: "Atteniamoci alle regole, rimaniamo uniti e teniamo duro”. Ai bar è vietato anche l'asporto, sui mezzi di trasporto pubblici e nei negozi, a partire dai 12 anni, entra in vigore da oggi, domenica  14 febbraio, l’obbligo di utilizzare la mascherina Ffp2

Di GF - 14 febbraio 2021 - 10:11

BOLZANO. A partire da oggi scattano nuovi misure più restrittive per il lockdown in Alto Adige. L'obiettivo è quello di porre un freno ai drammatici numeri della pandemia che non accennano a diminuire e alla pressione sugli ospedali.

 

“Le regole da sole non sono però sufficienti” ha scritto proprio oggi il presidente Arno Kompatscher sul proprio profilo Facebook. “Solo attraverso comportamenti corretti – ha spiegato - soprattutto nell’ambito privato, sarà possibile abbassare drasticamente il numero dei contagi e tornare più velocemente a una situazione più normale. Non ci riusciremo se qualcuno non rispetta le regole: è una questione di solidarietà e di rispetto verso gli sforzi e le rinunce degli altri. Quindi atteniamoci alle regole, rimaniamo uniti e teniamo duro” ha concluso il presidente dell'Alto Adige.

 

A parlare di situazione seria nei giorni scorsi era stato l’assessore alla salute, Thomas Widmann. “Gli ospedali sono fortemente sotto pressione ed è difficile immaginare la gestione di un ulteriore costante aumento delle persone colpite dal virus” ha affermato.

 

In linea di principio è fondamentale ridurre al minimo i contatti. Sono quindi rigidamente proibiti tutti i contatti tra le persone, anche la visita di parenti e di amici. È consentito solamente recarsi al lavoro (in quei settori in cui ciò è ancora consentito). È consentito anche l’acquisto di generi di prima necessità e l’utilizzo dei servizi sanitari (tra i quali i test), così come l’espletamento di esigenze inderogabili ed urgenti come, ad esempio, la cura di genitori non autosufficienti. Le passeggiate e l’attività sportiva individuale sono consentite solo nelle immediate vicinanze della propria abitazione ed in particolare partendo dalla propria casa.  È consentita la visita alla propria partner e al proprio partner residenti in un altro Comune. È consentito prendere parte alle funzioni religiose nell’ambito del proprio Comune.

 

La lista dei negozi che possono rimanere aperti è stata ridotta ai generi alimentari ed ai beni di uso quotidiano. Per quanto riguarda i settori dell’artigianato, dell’industria e dell’edilizia entrano in vigore nuovi e più stringenti protocolli di sicurezza così come la regolare esecuzione di test in base al protocollo di sicurezza ed all’accordo raggiunto con l’Azienda sanitaria.

 

Sui mezzi di trasporto pubblici e nei negozi, a partire dai 12 anni, entra in vigore da oggi, domenica  14 febbraio, l’obbligo di utilizzare la mascherina Ffp2. Per quanto riguarda i bar non è più consentito nessun servizio di asporto. Resta in vigore il servizio di asporto di cibo dai ristoranti così come il servizio di consegna sempre dai ristoranti. Viene meno anche il servizio di ristorazione per lavoratori presso i ristoranti sinora consentito sulla base di appositi contratti.  I rifugi e le baite devono rimanere chiusi.

 

Per quanto riguarda l’assistenza all’infanzia, i servizi sociali e sociosanitari resta in vigore, per il momento, l’attuale regolamentazione. Le attività di cura della persona ancora consentite possono avere luogo sono mediante prenotazione e con l’utilizzo delle mascherine Ffp2 da parte di tutte le parti coinvolte.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 6 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
06 dicembre - 19:58
Trovati 73 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 79 guarigioni. Sono 73 i pazienti in ospedale. Sono 892.851 le dosi di [...]
Società
06 dicembre - 19:02
La città di Belluno dedica una piazza in memoria di Angelina Zampieri, vittima di femminicidio nel 1913. La ragazza, che si era trasferita a Povo [...]
Cronaca
06 dicembre - 20:45
Nell'aggiornamento delle autorità sanitarie risultano effettuate 36.514 vaccinazioni con prenotazione, oltre a 7.531 somministrazioni a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato