Contenuto sponsorizzato

Il drive through di Trento Sud si trasforma in una fornace tra sole, polvere e attese con motore acceso. Rossi: ''Perché è stato spostato da Trento Fiere?''

Con l'arrivo dell'estate il misto di ghiaia, sassi e asfalto trasforma la spianata di San Vincenzo in un luogo caldissimo e afoso. Quasi impossibile lasciare i finestrini abbassati e la stragrande maggioranza preferisce lasciare l'auto accesa con l'aria condizionata. Interrogazione del consigliere provinciale di Azione a Segnana e Fugatti

Di L.P. - 14 June 2021 - 18:53

TRENTO. Il termometro si avvicina ai 40 gradi, fuori c'è polvere alzata dal cantiere vicino e dalle auto che si spostano nella coda, il sole batte incessantemente, e l'aria fuori dal vetro della macchina è tremabonda, scaldata dai gas di scarico dei tubi di scappamento e dai motori sempre accesi per garantire l'aria condizionata all'interno. E d'altronde non si potrebbe fare altrimenti. Il centro drive through di Trento Sud è una grande spiana ''desertica'' con posizionati alcuni gazebo sotto i quali operano una cinquantina di persone fra volontari, personale medico, infermieri e assistenti sanitari, amministrativi.

 


 

Inaugurato in pompa magna tre settimane fa il centro in questi giorni è una fornace soprattutto nelle ore centrali del giorno. Con l'innalzarsi delle temperature e il sole a picco che scalda la pavimentazione in asfalto laddove c'è e si riflette sulla ghiaia bianca è praticamente impossibile rinunciare all'aria condizionata per il tempo che si resta in coda ad aspettare il proprio turno.

 


 

Poi, però, una volta vaccinati, bisogna aspettare un altro quarto d'ora sotto il sole fermi per valutare eventuali effetti avversi e qualora questi si verificassero, suonare il clacson della macchina. 

 


 

 

I disagi sono tanti ed evidenti a tutti, per non parlare dei poveri pedoni che accedono all'impianto tra sole e polvere alzata dai veicoli. Sulla questione è stata depositata anche oggi un'interrogazione firmata dal consigliere provinciale di Azione Ugo Rossi che scrive: ''In questi giorni sono ricorrenti le segnalazioni di disagi dovuti alla scelta di spostare il punto vaccini di Trento dal Centro Trento Fiere di via Briamasco al piazzale di Trento Sud via San Vincenzo. La nuova sede si trova in zona decentrata ed è raggiungibile solo in auto. La vecchia sede era invece raggiungibile anche a piedi e con mezzi pubblici, oltre ad essere dotata di infrastrutture idonee all'attesa, sia prima che dopo la somministrazione del vaccino. I comunicati stampa di Provincia e Azienda Sanitaria non riportano le motivazioni del cambiamento. Tutto ciò premesso - conclude Rossi - si interroga l’assessora competente per conoscere: le motivazioni della decisione dello spostamento del centro vaccinale''.

 


 

Questo spiegava l'Apss a fine maggio per raccontarne come avrebbe funzionato la nuova struttura di San Vincenzo: ''Il nuovo drive through di Trento Sud si estende su una superficie di 47mila metri quadri e ha sette linee vaccinali (otto con quella «pedonale»). Sono una cinquantina le persone che a turno sono impegnate a San Vincenzo tra volontari, personale medico, infermieri, assistenti sanitari e amministrativi. La vaccinazione in modalità drive through (senza necessità di scendere dalla macchina) permette di aumentare la capacità vaccinale fino a circa 1800 somministrazioni al giorno e garantisce maggiore sicurezza in termini di distanziamento. Le varie «fasi» della vaccinazione rimangono comunque le stesse: accettazione e anamnesi, somministrazione e attesa di 15 minuti in un’area dedicata a garantire immediata assistenza in caso di eventuali reazioni avverse. Chi non potrà recarsi al drive through in auto potrà comunque accedere alla vaccinazione attraverso il percorso pedonale dedicato''.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 2 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 agosto - 10:37
Prosegue senza sosta il lavoro del contingente trentino tra riunioni di coordinamento, attività di prevenzione e pattugliamento [...]
Cronaca
04 agosto - 10:15
Jerry è scappato di casa lo scorso venerdì 30 luglio. E' tutto verde con un ciuffetto giallo sulla fronte
Ambiente
04 agosto - 09:49
Alcuni attivisti “No-A31” hanno consegnato a nome della comunità di Terragnolo materiali informativi contro la grande opera [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato