Contenuto sponsorizzato

Le scuole d'infanzia scendono in piazza: ''Dalla Provincia nessun confronto''. Bezzi: ''Questa Giunta pensa solo a mettere uno contro l'altro i lavoratori''

Manifestazione in piazza Dante a Trento per il personale delle scuole d'infanzia. Stefania Galli: "Abbiamo una legge voluta dai trentini che ha più di 40 anni, chiediamo il rispetto di quella legge e il valore delle professionalità che in tutti questi anni anni si sono sviluppate”

Di G.Fin - 24 June 2021 - 11:54

TRENTO. “Bisesti dove sei?” questa la scritta su diversi cartelli apparsi questa mattina nel corso della manifestazione promossa dai sindacati che hanno portato in piazza il personale delle scuole d'Infanzia. Il tema è quello del prolungamento estivo dell'attività e della mancanza di confronto da parte della Provincia nelle decisioni prese.

 

Sono state decine e decine le persone scese in piazza, davanti al Palazzo della Provincia, assieme Cgil, Cisl, Satos e la Uil.

“Siamo qui per rivendicare alla politica e alla comunità trentina – ha spiegato Stefania Galli della Cisl scuola del Trentino - che la scuola è scuola e tale deve rimanere. Il resto sono questioni contrattuali ma noi non prestiamo il fianco alla politica. Noi vogliamo il valore della scuola, questo è stato scippato”.

 

Lo scorso anno, spiegano i sindacati, “era emergenza” e quest'anno la situazione viene presentata sempre allo stesso modo. “Non vorremmo – spiegano – che così facendo si facessero diventare certi aspetti emergenziali come normalità o stabilità in questo sistema”.

 

 

Da parte di Cgil, Cisl, Uil e il sindacato autonomo Satos si chiede il rispetto delle professionalità. “La scuola dell'infanzia – spiega ancora Galli - è il primo tassello. Abbiamo una legge voluta dai trentini che ha più di 40 anni, chiediamo il rispetto di quella legge e il valore delle professionalità che in 40 anni si sono sviluppate”.

 

Vi è poi il capitolo che riguarda la mancanza di confronto con la Provincia. “Bisesti lo abbiamo visto una sola volta e basta – spiegano i sindacalisti della Cisl Scuola - non essendo andata bene la conciliazione la parte politica si è ritirata. Abbiamo continuato a lavorare ai tavoli e in Dipartimento per sostenere comunque i lavoratori che dovevano andare a lavorare giugno e luglio”.

 

Alla manifestazione presente anche il segretario della Cisl Michele Bezzi. “ La cosa gravissima di tutta questa faccenda – ha spiegato – è che la Provincia con il suo operato ha cercato di mettere contro i lavoratori della scuola con i lavoratori del settore privato”. La richiesta è quella di un confronto. “ Per riuscire a trovare delle soluzioni migliori serve un confronto – spiega ancora Bezzi – perché qui si è persa di vista quale sia la cosa migliore per i bambini. Occorre ascoltare e offrire disponibilità al confronto ma invece la Provincia ha preferito andare per la propria strada”.

Ma la questione non si esaurirà certamente con la manifestazione di oggi. Infatti, con una nota, la Uil ha spiegato che sono stati depositati gli atti di citazione in giudizio della Pat, sia per quanto riguarda la legittimità del mese di luglio, con richiesta di sospensiva al Tar, sia il ricorso al Giudice del lavoro per il rispetto del contratto collettivo provinciale, sia la denuncia per atteggiamento anti sindacale nei confronti della Uil Fpl che, ad oggi, persevera.

 

“Inaccettabile – ha spiegato la Uil - l’atteggiamento di questa Giunta che pensa di fare della Scuola quello che desidera, usando le persone che ci lavorano come propri giullari di corte: la Scuola infanzia è il primo tassello di Scuola in Trentino e necessita di attenzioni puntuali, di confronto e di rispetto”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 2 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 agosto - 10:37
Prosegue senza sosta il lavoro del contingente trentino tra riunioni di coordinamento, attività di prevenzione e pattugliamento [...]
Cronaca
04 agosto - 10:15
Jerry è scappato di casa lo scorso venerdì 30 luglio. E' tutto verde con un ciuffetto giallo sulla fronte
Ambiente
04 agosto - 09:49
Alcuni attivisti “No-A31” hanno consegnato a nome della comunità di Terragnolo materiali informativi contro la grande opera [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato