Contenuto sponsorizzato

Montagne innevate e gli ungulati scendono di quota, l'appello ai cittadini: ''Non avvicinatevi, lo stress da paura potrebbe essere mortale per l'animale''

Particolare attenzione deve essere fatta nei luoghi di foraggiamento e per gli scialpinisti che decidono di fare tracciati boschivi. Gli animali sono scesi di quota per riuscire a trovare da mangiare 

Foto repertorio - Paolo Scarian
Di G.Fin - 03 gennaio 2021 - 09:29

TRENTO. Nelle ultime settimane, in occasione delle recenti, abbondanti nevicate, la fauna si è trovata in una condizione di maggiore difficoltà. Spinti dalla mancanza di cibo, gli ungulati (cervi, caprioli e camosci) sono scesi di quota e si sono avvicinati ancor più del solito ai centri abitati e alle strade del fondovalle.

 

Spesso si radunano perché in questo modo, scavare sulle neve assieme, è più facile. Mangiano cortecce, pezzetti di rami secchi, quello che riescono a trovare.

 

La discesa di quota, però, permette anche a molte persone di vedere con facilità questi animali. Se da un lato può essere bello ammirare un cervo o un capriolo, dall'altro mai come ora "è di fondamentale importanza che i cittadini facciano attenzione e mantengano le distanze da quelle zone dove gli ungulati si radunano" spiega Paolo Scarian appassionato di animali selvatici e di lupi. Parliamo, infatti, di animali già in difficoltà, sottoposti ad un elevato stress fisico. Essere anche spaventati comprometterebbe ulteriormente il loro stato di salute.

 

Per questo è importante anche rimanere lontani dalle zone di foraggiamento dove sono state predisposte delle mangiatoie. Sono luoghi dove magari non facendosi vedere, gli animali sono comunque presenti ed è bene evitare di andare a disturbarli.

 

Infine una raccomandazione arriva per chi decide di fare scialpinismo. Con le abbondanti nevicate che si sono viste in questi giorni le opportunità per gli appassionati sono moltissime. Spesso si decide anche di uscire dai tracciati finendo nei boschi. Anche in questo caso il consiglio che arriva dagli esperti è quello di evitare le vie boschive, questo per non andare a spaventare gli ungulati causandone uno stress talmente elevato che può portare, purtroppo, anche alla morte dell'animale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato