Contenuto sponsorizzato

Transizione digitale, in Trentino tre interventi per accelerare sui servizi online: ecco i numeri della 'rivoluzione'

Attraverso l'attuazione dell'Agenda digitale trentina, la Pat punta a rendere il territorio un vero e proprio laboratorio di innovazione della pubblica amministrazione: tra i servizi più utilizzati dalla cittadinanza rimane al top la Cartella Clinica del Cittadino (66% del totale, con oltre 145.000 accessi mensili), seguita dai servizi legati al mondo della scuola e della formazione, come le iscrizioni scolastiche o il registro elettronico (oltre 30.000 accessi mensili) e dai servizi di visualizzazione e stampa dei dati catastali (con oltre 10.000 accessi al mese)

Pubblicato il - 27 July 2021 - 15:13

TRENTO. Tre interventi in Trentino per accelerare la transizione digitale, Spinelli e Fugatti: “Una pubblica amministrazione sempre più innovativa, veloce, semplice e interattiva, al servizio di cittadini e imprese, che all’aggiornamento tecnologico affianca la valorizzazione delle competenze digitali del proprio capitale umano, della cittadinanza e del territorio, questo è il modello trentino che l’Amministrazione provinciale lavora per rafforzare ulteriormente”.

 

In particolare la Pat ha recentemente approvato tre delibere per puntare sullo sviluppo dei servizi online, relative alla proposta di candidatura dell’amministrazione provinciale al Nodo territoriale di competenza (Ntc) sul digitale (nell’ambito della rete dei Centri di competenza tematici promossi dall’Agenzia per l’Italia digitale-AgID) e all’Accordo di collaborazione con l’AgID per la crescita e la cittadinanza digitale in Trentino. Sul tavolo poi c’è anche l’aggiornamento del piano degli investimenti per il sistema informativo elettronico trentino (Sinet), al fine di facilitare gli interventi più urgenti. “La priorità – spiega il presidente della Provincia - è avvicinare sempre di più i cittadini e le imprese alla pubblica amministrazione, fornire servizi rapidi ed efficienti sulla strada già percorsa con il lancio nelle settimane scorse del nuovo portale della Provincia: un cambio di marcia non solo nel look ma soprattutto nell’accessibilità di informazioni, strumenti e incentivi”.

 

L'avanzamento sul digitale dell'amministrazione digitale e del territorio, fanno sapere da Piazza Dante,  è evidente nei numeri registrati (in particolare nell’ultimo anno e mezzo) e nell’accelerazione sui processi di digitalizzazione imposta dall’emergenza sanitaria. Qualche esempio: l’utilizzo delle identità digitali (SPID e CPS, la carta provinciale dei servizi ossia la tessera sanitaria “attivata”), accompagnato dalla progressiva integrazione ed esclusività d’uso per l’accesso in sicurezza ai servizi digitali e dalla possibilità di rilascio di SPID anche da parte dagli uffici provinciali e di oltre 70 Comuni trentini, è cresciuto in maniera esponenziale. Oggi sono quasi 172.000 le tessere sanitarie (CPS) valide come strumento di riconoscimento digitale e oltre 140.000 le identità digitali SPID, di cui oltre 20.000 rilasciate dagli enti pubblici del territorio. Se un anno fa il grado di utilizzo di SPID per accedere ai servizi digitali era inferiore al 20% (nel 2019 era intorno al 10%), oggi si attesta al 65% e continua a crescere.

Parallelamente cresce in maniera esponenziale l’utilizzo dei servizi web offerti dal sistema pubblico trentino, che ha visto nelle settimane scorse il lancio del nuovo portale istituzionale della Provincia. Ad oggi si contano oltre 400 servizi pubblici disponibili online, di cui circa un centinaio a carattere provinciale e almeno 2 servizi digitali standard per ognuno dei 166 Comuni trentini, promossi grazie all’accordo con il Consorzio dei Comuni Trentini. Nel 2020 sono stati registrati sul portale dei servizi circa 1,2 milioni di accessi, mentre solo i primi sei mesi del 2021 hanno già registrato 1,5 milioni di accessi, di cui il 57% con SPID (65% nei mesi di aprile-giugno 2021) e 43% con CPS.

 

Tra i servizi più utilizzati dalla cittadinanza rimane al top la Cartella Clinica del Cittadino (66% del totale, con oltre 145.000 accessi mensili), seguita dai servizi legati al mondo della scuola e della formazione, come le iscrizioni scolastiche o il registro elettronico (oltre 30.000 accessi mensili) e dai servizi di visualizzazione e stampa dei dati catastali (con oltre 10.000 accessi al mese). A partire dall’esperienza avviata in pieno lockdown con i primi bonus ai cittadini, l’attivazione delle misure di sostegno agli operatori economici e dell’area web dedicata, cittadini e imprese sono al centro della progettazione e realizzazione dei servizi web, per ottimizzare le attività anche in termini di minimizzazione degli oneri burocratici e massima rapidità di risposta ai bisogni degli utenti, oltre che per garantire agli uffici il monitoraggio costante delle azioni.

 

Solamente l'area #RipartiTrentino ha totalizzato nel primo semestre del 2021 circa 200mila utenti unici e più di mezzo milione di accessi alle varie misure di sostegno disponibili. Negli ultimi 15 mesi sono state raccolte e gestite dagli uffici provinciali competenti e in modalità digitale circa 80.000 domande relative alle misure di aiuto straordinarie attivate nel 2020 e nel 2021, alcune ancora in atto. Relativamente alle misure di aiuto più recenti del 2021 e ai relativi bandi avviati da fine maggio, sono oltre 7.100 le domande già raccolte e in gran parte già concesse (per circa 25 milioni di aiuti, alcuni dei quali già erogati o in corso di erogazione).

 

Entrando nel dettaglio dei tre nuovi interventi per accelerare sui servizi digitali, la Giunta ha approvato (su proposta dell’Assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli) due ulteriori provvedimenti che confermano il ruolo di “laboratorio” di transizione al digitale dell’amministrazione provinciale e degli enti del territorio. Contestualmente, su proposta del presidente Maurizio Fugatti, è stato aggiornato il Piano degli investimenti relativi al sistema informativo elettronico trentino (Sinet) per il 2021 in modo da assicurare la prosecuzione delle iniziative di digitalizzazione più urgenti e l’avvio di nuovi interventi di evoluzione delle piattaforme e delle applicazioni in uso.

 

Da un lato, riguardo alle due prime delibere proposte da Spinelli, si rafforzano ulteriormente le sinergie già in atto a livello nazionale con l’Agenzia per l’Italia digitale (Agid) sui macroambiti di intervento dell’Agenda digitale trentina, dal cloud e dalla cyber security passando per il riuso, le tecnologie open source, la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico e l’interazione digitale con gli utenti della pubblica amministrazione attraverso il portale istituzionale e i servizi on line, fino al tema fondamentale della crescita delle competenze digitali sia dentro la PA che della cittadinanza. Sui singoli ambiti di intervento convergerà il contributo di affiancamento dell’Agenzia nazionale in termini di asset, metodologie e competenze. Vengono dunque coordinati i piani di digitalizzazione e trasformazione digitale a livello locale con quelli nazionali, dando seguito anche ai protocolli siglati nel 2020 con il Consorzio dei Comuni trentini e con il dipartimento per la trasformazione digitale della presidenza del consiglio dei ministri. Tutti gli interventi sono coerenti con il Piano per l’informatica nella Pa 2020-2022, ma anche con le traiettorie del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e la strategia europea “2030 Digital Compass”.

 

Dall’altro, ed è la seconda delibera proposta da Spinelli, si prevede l’attivazione di un hub locale sulle competenze digitali, sul riuso e sulle metodologie per la trasformazione digitale che aspira ad essere riconosciuto quale Nodo territoriale di competenza e ad essere quindi inserito nella rete dei Centri di competenza tematici promossi a livello nazionale dall’Agenzia per l’Italia Digitale. Il Nodo di competenza territoriale (aperto alla collaborazione degli stakeholder pubblici e privati del territorio per valorizzare le migliori pratiche ed esperienze già in atto) avrà compiti di supporto, consulenza e tutoraggio nei confronti delle strutture provinciali e degli enti del territorio che vorranno aderire e sarà coinvolto nella progettazione delle relative iniziative formative, progettuali e organizzative e nelle azioni di sensibilizzazione sul digitale rivolte in particolare alla cittadinanza. Anche in questo caso l’azione è in linea con le indicazioni della strategia nazionale ed europea sul digitale oltre che del PNRR.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 06:01
Il rifugio Filzi sul Finonchio ha chiuso la scorsa settimana la stagione estiva ed ora proseguirà, tempo permettendo, le aperture nei weekend. I [...]
Cronaca
28 settembre - 08:14
Misure meno stringenti sia per il mondo della cultura che in quello dello sport. Fondamentale rimane avere il Green pass e massima attenzione anche [...]
Cronaca
28 settembre - 08:28
L'epicentro è nella provincia di Treviso e il sisma è stato avvertito anche nei territori vicini. Le prime due scosse sono state avvertiti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato