Contenuto sponsorizzato

Trento ha le prime due ''pietre d'inciampo'': sono per Albino Nichelatti che aiutò la Resistenza partigiana e gli alleati e Arturo Tomasi deportato a Flossenbürg

Il sindaco Ianeselli ha spiegato che queste pietre "rompendo all'improvviso l'uniformità della pavimentazione, segnano una tragica geografia urbana di cui è necessario conservare le tracce”. Nichelatti da tecnico della Todt, aveva sottratto i disegni delle fortificazioni della linea gotica per aiutare la Resistenza partigiana e gli alleati. Tomasi riuscì miracolosamente a sopravvivere alla prigionia e a tornare a casa

Pubblicato il - 22 October 2021 - 13:15

TRENTO. Trento ha posato le sue prime due pietre d’inciampo, a ricordo di due concittadini che hanno vissuto l’orrore di anni che rischiano di essere dimenticati. Riprende in questo modo un percorso iniziato in occasione della giornata della memoria del 2020.

 

Le due pietre d'inciampo sono quelle di: la prima è per Albino Nichelatti, nato a Trento nel 1880 morì a Mauthausen il 24 aprile del 1945, pochi giorni prima che i carri armati americani liberassero i sopravvissuti del lager. Era un detenuto politico: da tecnico della Todt, aveva infatti sottratto i disegni delle fortificazioni della linea gotica per aiutare la Resistenza partigiana e gli alleati.

 

La seconda per Arturo Tomasi, nato nel 1912, arrestato nel 1943 e deportato a Flossenbürg, a ingrossare le fila dei lavoratori forzati delle fabbriche del Reich, riuscì miracolosamente a sopravvivere alla prigionia e a tornare a casa.

Nella cerimonia a palazzo Geremia sono intervenuti il sindaco Franco Ianeselli, il direttore della Fondazione Museo storico del Trentino Giuseppe Ferrandi, i famigliari di Albino Nichelatti e Arturo Tomasi (Renato Riedmueller e Loredana Chinatti) e Eva Frizzi del progetto "Promemoria Auschwitz.EU- Il viaggio della memoria" promosso da Arci del Trentino e Deina Trentino, con il sostegno della Provincia autonoma di Trento.

 

Sta crescendo attorno a noi – ha spiegato il sindaco Franco Ianeselli - quella che è stata definita la città senza memoria, la città indifferente, che non sa o non vuole sapere nulla dei lager, che ignora cosa furono le leggi razziali, che giustifica o peggio nega quello che giustificare e negare non si può.” Per essere una città diversa, Trento ha scelto di spezzare le sue strade con le pietre d'inciampo, “pietre che, rompendo all'improvviso l'uniformità della pavimentazione, segnano una tragica geografia urbana di cui è necessario conservare le tracce”.

 

Le pietre d’inciampo in memoria di Albino Nichelatti e Arturo Tomasi sono state posizionate in via San Martino 59 e in corso Alpini 11.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 2 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 dicembre - 11:39
Da lunedì 6 dicembre entra in vigore sul suolo nazionale il decreto per il Super green pass, rilasciato solo a vaccinati e guariti dal [...]
Economia
03 dicembre - 09:43
Lo sciopero del black friday da parte dei driver è stato scongiurato grazia a un accordo raggiunto fra sindacati e ditte che effettuano le [...]
Cronaca
03 dicembre - 09:13
Due giovani morti sulla strada, Alessia Andreatta è rimasta vittima di un tragico incidente in A22 mentre la vita di Tommaso Delpero si è [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato