Contenuto sponsorizzato

Vaccini Covid, copertura al 90% degli over 80 e 80% degli over 70. ''Andamento non negativo per over 60, il green pass darà nuovo impulso alla campagna''

Superate alcune incertezze iniziali e qualche cambio del cronoprogramma dettato dal governo nazionale, c'è stata una crescita costante nel numero delle somministrazioni: un'organizzazione legata a doppio filo alle forniture, ora piuttosto sicure e puntuali, così come al rodaggio delle procedure che sono via via diventate sempre più efficaci. Ferro: "Gli indicatori sono migliori rispetto alle scorse settimane e la percezione può essere un po' diversa ma la pandemia non è passata"

Di Luca Andreazza - 07 May 2021 - 06:01

TRENTO. C'è stata un'accelerazione nelle somministrazioni del vaccino per contrastare Covid-19 e in queste ore è stato dato semaforo verde anche agli over 50 in Trentino. La macchina lavora a pieno ritmo per aumentare la copertura della popolazione. "Appena si comprendono i vantaggi della certificazione verde - dice Antonio Ferro, direttore del Dipartimento prevenzione - pass che permette gli spostamenti, i viaggi e la possibilità di fruire dei luoghi della cultura per teatri e spettacoli, si può avere un altro impulso alla campagna vaccinale". 

 

Superate alcune incertezze iniziali e qualche cambio del cronoprogramma dettato dal governo nazionale, c'è stata una crescita costante nel numero delle somministrazioni: un'organizzazione legata a doppio filo alle forniture, ora piuttosto sicure e puntuali, così come al rodaggio delle procedure che sono via via diventate sempre più efficaci. 

 

A oggi e sulla base dei dati di mercoledì 5 maggio forniti dalla Provincia, sono 201.256 le dosi somministrate in Trentino. In dettaglio sono state inoculate 56.373 dosi agli over 80 su una platea di 38.386 cittadini (dati Ispat 2020); si aggiungono 44.357 dosi ai 52.316 abitanti nella fascia 70-79 anni e 42.269 dosi sui 67.027 over 60. Dati che appaiono in linea a quelli rilevati a livello nazionale, stesso discorso sul fronte delle vaccinazioni degli operatori della sanità: si sono immunizzati l’89% dei medici e l’81% degli infermieri.

 

"La copertura è superiore al 90% tra gli over 80 e sopra l'80% tra gli over 70. Il dato per quanto riguarda gli over 65 non è negativo, anche se è più basso rispetto alle altre coorti", commenta Ferro. Un leggero rallentamento a fronte dell'arretramento dell'età che può accedere alla campagna. Adesso le dosi ci sono e si viaggia a ritmo serrato, forse l'arretramento dell'epidemia di queste ultime settimane e minori restrizioni inducono le persone a non correre per vaccinarsi rispetto ai periodi più difficili, duri e faticosi della diffusione di Covid-19. 

 

"Questo può certamente giocare un ruolo - aggiunge il direttore del Dipartimento di prevenzione - gli indicatori sono migliori rispetto alle scorse settimane e la percezione può essere un po' diversa ma la pandemia non è passata. Se si vuole raggiungere l'immunità di gregge e arrivare quanto prima a condurre vite normali è necessario coprire almeno l'80% della popolazione. A ogni modo la tabella di marcia è rispettata e su aprono le agende di prenotazione in maniera progressiva. L'invito naturalmente è quello di vaccinarsi, così come di continuare a seguire le regole base: mascherina, distanziamento e igienizzazione. E' fondamentale mantenere alta l'attenzione per evitare focolai o per tornare indietro a maggiori restrizioni".

 

Mano a mano che le vaccinazioni proseguono, l'Azienda provinciale per i servizi sanitari nel corso di una conferenza stampa ha chiarito che c'è un progressivo abbassamento delle classi di età dovuto anche all'evidenza che le categorie più a rischio contagio non sono più fortunatamente gli 80enni, ora immunizzati, quanto le fasce d'età tra 50-60 anni. Da qui anche l'iniziativa di predisporre una campagna pubblicitaria di informazione e di sensibilizzazione rivolta alla popolazione.

 

"Un ulteriore impulso - continua Ferro - può arrivare dalla certificazione verde nazionale che anticipa il Green pass europeo: la possibilità di viaggiare e frequentare i luoghi della cultura possono invertire i trend e spingere più velocemente le adesioni alla vaccinazione". La previsione è quella che il certificato verde (si basa su vaccinazione, tampone negativo entro 48 ore o guarigione da Covid-19 entro sei mesi) entrerà in vigore dal 16 maggio e sarà indispensabile per spostarsi e fruire di determinati servizi. In Alto Adige, per esempio, permette di entrare nei bar e ristoranti per consumare cibi e bevande. "I vaccini sono efficaci e ci proteggono, ci rendono liberi".

 

C'è stato un "crollo" nelle seconde dosi, circa 43.182 quelle inoculate. Il Comitato tecnico scientifico: "E' opportuno dare priorità a strategie di sanità pubblica che consentano di coprire dal rischio il maggior numero possibile di soggetti nel minor tempo possibile”. E' la strategia trentina adottata da circa un mese che è stata ora allargata al resto d'Italia per accelerare sulle prime somministrazioni.

 

"C'è grande soddisfazione e questo parere è la conferma della bontà della decisione di spostare Pfizer a 42 giorni. In questo modo abbiamo coperto 30 mila trentini in più e si riescono a proteggere più persone: si riesce a sfruttare meglio anche la settima dose. E' meglio avere una platea più vasta e coperta in modo parziale, ma che evita di sviluppare la malattia in forma grave, piuttosto che una copertura piena che però riguarda un gruppo ristretto di persone" (Qui articolo), conclude Ferro.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
14 giugno - 13:43
Una scritta che evoca drammi indicibili e che affiancata alla svastica assume significati inequivocabili e orrendi è apparsa nel tunnel Rocce [...]
Cronaca
14 giugno - 13:15
E' successo lungo la strada provinciale che da Camporovere va verso il Trentino. L'autista è riuscito ad uscire in maniera autonoma al mezzo [...]
Cronaca
14 giugno - 11:39
L'indagine portata avanti dalla Guardia di Finanza di Vicenza ed ha visto protagonista un medico dell'ospedale di Asiago. Nei suoi confronti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato