Contenuto sponsorizzato

Dall'ufficio pari opportunità sparisce il ''contrasto alla violenza sulle donne'', Non una di meno: "Posizionamento misogino della Giunta che disconosce il fenomeno"

Dopo la decisione della Giunta di cambiare la denominazione dell'"Ufficio pari opportunità e contrasto alla violenza sulle donne" in "Umse pari opportunità, prevenzione della violenza e della criminalità" togliendo il riferimento alla "violenza sulle donne", sono intervenute le attiviste di Non una di meno: "Conosciamo tutte e tutti l'importanza del linguaggio. Volontà della Provincia di relegare la violenza sulle donne a mera appendice eccezionale"

Foto tratta da Fb Non una di meno - Trento
Di Francesca Cristoforetti - 19 maggio 2022 - 19:40

TRENTO. "Conosciamo tutte e tutti l'importanza del linguaggio. La parola traduce la realtà, la riconosce. È evidente che con questo cambio di denominazione la Giunta provinciale ha voluto consapevolmente disconoscere la violenza sulle donne". E' questa l'accusa delle attiviste femministe di Non una di meno - Trento rispetto alla decisione della Giunta leghista di sopprimere l'"Ufficio pari opportunità e contrasto alla violenza sulle donne", cambiandogli il nome in "Unità di missione semplice pari opportunità, prevenzione della violenza e della criminalità" e togliendo perciò lo specifico riferimento alla "violenza sulle donne".

 

"Dire 'violenza sulle donne' significa dichiarare il proprio posizionamento politico - prosegue Nudm - individua chiaramente oppresse e oppressori. L'averlo tolto dall'intestazione dell'ufficio dichiara la volontà della provincia di relegare la violenza sulle donne a mera appendice eccezionale quando sappiamo bene essere strutturale nella nostra società".

 

Una scelta politica che assume un profondo significato culturale, che non vuole dare un nome a un fenomeno esistente e anche, purtroppo, fin troppo presente nella nostra società. "Decidere volutamente di non usare questa locuzione - aggiungono le attiviste - significa disconoscere il fatto che le donne sono una classe oppressa all'interno di un sistema di sfruttamento che è il patriarcato. Sistema di sfruttamento i cui beneficiari sono gli uomini e che in quanto tali decidono sulla vita (e sulla morte) delle donne".

 

Nudm condanna quindi questa gesto: "Riteniamo gravissimo quanto attuato dalla Giunta provinciale - concludono le femministe - che per l'ennesima volta dichiara il proprio posizionamento politico misogino nell'intento di mantenere inalterati supremazia, potere e privilegi maschili".

 

Non è mancato il disappunto anche all'interno del mondo della politica. Lo stesso consigliere del Pd Luca Zeni si era espresso contrariamente alla decisione della Giunta: "Togliere il riferimento esplicito alla violenza sulle donne, - accusa - solo perché esiste anche quella sugli uomini in qualche sporadico caso, significa tornare indietro dal punto di vista culturale. Ogni 3 giorni in Italia una donna viene uccisa. La politica anche quella che ha scelto di tollerare il ‘machismo’, non deve nascondere la testa sotto la sabbia" (Qui l'articolo).

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 1 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
02 luglio - 21:22
Il 36enne stava affrontando una highline, una apposita fettuccia assicurata e tesa tra due sostegni a una quota di circa 1.400 [...]
Cronaca
02 luglio - 19:19
Le fiamme si sono sviluppate tra i vigneti nei pressi di un bunker della Seconda guerra mondiale, l’intervento dei vigili del fuoco complicato [...]
Cronaca
02 luglio - 20:41
Confesercenti del Trentino: "Ci ha lasciato Loris Lombardini: una persona dal grande cuore e dalla grande personalità"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato