Contenuto sponsorizzato

Segregata in casa, costretta a mangiare gli avanzi e maltrattata: l'inferno vissuto in Trentino da una 27enne. Confermata la condanna per l'ex marito e i suoceri

Nelle scorse ore è stata confermata in Corte d'Assise d'Appello la condanna che era stata data lo scorso anno. La giovane era arrivata in Trentino nel 2018 e da quel momento era iniziato un vero e proprio inferno 

Di GF - 06 dicembre 2022 - 08:45

TRENTO. Maltrattata e segregata in casa, costretta, secondo il racconto fatto, a mangiare gli avanti di cibo nella sua camera. Una vicenda terribile quella che ha visto coinvolta una ragazza che all'epoca dei fatti aveva 27 anni

 

Lo scorso anno l'ex marito era stato condannato a 8 anni di reclusione per maltrattamenti. I genitori dell'uomo, invece, erano stati condannati a 4 anni sempre per lo stesso reato. (Qui l'articolo)

 

Ieri in Tribunale a Trento la Corte d'Assise d'Appello ha confermato la condanna. La Procura aveva presentato appello per la richiesta di condanna per riduzione in schiavitù. La richiesta, però, non è stata accolta. 

 

LA VICENDA

Per capire la vicenda, emersa nella sua drammaticità nel 2019, bisogna fare un passo indietro.

 

E' un vero e proprio infermo quello a cui è stata costretta vivere una ragazza di 27 anni di origine pachistane residente a Trento dal 2018. La giovane, secondo le informazioni fornite, è stata costretta ad andarsene dal suo paese d'origine per ricongiungersi con il marito sposato due anni prima.

 

Quando è arrivata a Trento, dopo aver dovuto anche interrompere l'università, è stata costretta a sopportare ogni genere violenza sia dall'uomo che aveva sposato due anni prima sia dai genitori di lui.

 

La giovane, secondo il racconto fatto, non poteva uscire di casa, doveva vivere praticamente segregata e non poteva nemmeno andare in bagno liberamente. Ma non solo. Le veniva anche impedito di sedersi a tavola con la famiglia ma era costretta a mangiare gli avanzi in un'altra stanza.

 

Un continuo di violenze che ad un certo punto la giovane non è più riuscita a sopportare. All'ennesimo episodio in cui sia lei che la bambina sono state portate in ospedale, ha deciso di raccontare tutto alle forze dell'ordine. L'inizio della fine di questo incubo arrivato poi anche in tribunale a Trento.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
29 gennaio - 05:01
Il punto sulle Olimpiadi in val di Fiemme. L'assessore Failoni: "I bandi entro l'estate per avere tutto il 2024 per completare i lavori e farsi [...]
Ambiente
28 gennaio - 20:19
Il vice presidente della Comunità del Garda ha commentato l'andamento dei livelli delle acque del lago dello scorso anno: "Sono state [...]
Politica
28 gennaio - 18:23
La presidente di Itea e candidata presidente della Provincia di Trento per Fratelli d'Italia è stata eletta nella Giunta esecutiva nazionale di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato