Contenuto sponsorizzato

Sanità sempre più in crisi, "E' giunto il momento che la politica si assuma le proprie responsabilità": i sanitari del Trentino Alto Adige scioperano

L'occasione è l'adesione allo sciopero nazionale di 24 ore per il giorno 5 dicembre: i professionisti infermieri e sanitari del Trentino Alto Adige manifesteranno assieme a Bolzano

Pubblicato il - 03 dicembre 2023 - 17:48

TRENTO. Aumento dell'incentivo per i rientri in servizio, indennità di confine per arginare la fuga dei professionisti sanitari, ulteriori risorse economiche per il contratto della sanità e poi ancora aggiornamento professionale in orario di servizio ed a carico dell’azienda e la revisione delle dotazioni organiche, oggi inadeguate. Sono queste le richieste che arrivano da Nursing up alla Provincia di Trento.

 

L'occasione è l'adesione allo sciopero nazionale di 24 ore per il giorno 5 dicembre: i professionisti infermieri e sanitari del Trentino Alto Adige manifesteranno assieme a Bolzano. Le iniziative di protesta riguarderanno tutti professionisti sanitari della sanità pubblica, comparto e dirigenza medica, infatti anche i sindacati medici Cimo-Fesmed ed Anaao-Assomed scioperano e manifesteranno.

 

“Il governo nazionale – spiega in una nota Nursing Up del Trentino - appare sempre più in uno stato confusionale, le Province di Trento e Bolzano sono al palo ed in stallo per dinamiche politiche interne, la sanità pubblica è ormai in una crisi che appare irreversibile, è giunto il tempo che la politica si assuma le proprie responsabilità, nei confronti dei professionisti sanitari e dei cittadini, la salute è un diritto universale e costituzionale che deve essere tutelato”.

L'obiettivo dei professionisti è quello di “scendere in piazza a difesa della sanità pubblica, a difesa della sicurezza e della qualità delle cure, a difesa del loro benessere lavorativo e familiare sempre più compromesso”.

 

Le richieste sono state presentate a livello nazionale ed a livello delle singole province di Trento e Bolzano, che sono abilitate ad una contrattazione autonoma primaria a livello provinciale perchè “Non solo dovranno recepire i miglioramenti che possono derivare dalla contrattazione nazionale, ma possono agire in autonomia con fondi e specifiche direttive contrattuali” spiegano i sindacati.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
03 marzo - 05:01
Dall'annuncio della premier Giorgia Meloni all'effettivo arrivo di Chico Forti in Italia potrebbero passare un paio di mesi. Ora la pratica è [...]
Cronaca
03 marzo - 01:10
Enorme il cordoglio della comunità per la scomparsa a soli 28 anni di Nicola Marchiori. E' morto per un tumore. Il sindaco: "Un momento triste, [...]
Cronaca
03 marzo - 07:25
E' successo a Marlengo, sulle cause dell'incendio sono in corso degli accertamenti 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato