Contenuto sponsorizzato

Emergenza affitti, la storia di Paola: "Ho 37 anni, sono laureata e guadagno quasi 2 mila euro al mese, ma senza un tempo indeterminato trovare casa è impossibile"

In città e nelle zone limitrofe l'offerta di case in affitto è bassissima, i canoni sono aumentati di molto e a complicare la situazione si aggiungono i requisiti stringenti richiesti dai proprietari. La testimonianza di Paola: "Sarò costretta a lasciare la casa dove vivo per cause di forza maggiore e sono preoccupata per il mio futuro: ho trattato diversi immobili ma sono mesi che continuano a sbattermi porte in faccia"

Di Federico Oselini - 18 giugno 2024 - 06:01

TRENTO. "Mi hanno sbattuto un'altra porta in faccia e sono veramente preoccupata per il mio futuro, dal momento che trovare una casa in affitto sembra impossibile e tra poco tempo, per cause di forza maggiore, sarò costretta a lasciare l'immobile dove vivo da anni".

 

Paola ha 37 anni ed è originaria della provincia di Belluno, ma risiede a Trento da più di 17 anni: dopo essersi laureata, ha sempre lavorato in città e in provincia con continuità, senza però riuscire ad ottenere un contratto a tempo indeterminato ed ora si trova, per la prima volta nella sua vita, a rischiare di non trovare un alloggio dove stare.

 

La sua storia, che sceglie di raccontare a il Dolomiti, è simile a quella di molte altre persone, specialmente giovani e neo laureati, che si trovano magari ad ottenere un lavoro in Trentino – talvolta anche il primo del loro percorso professionale – e si scontrano con l'emergenza abitativa in essere che colpisce in modo particolare la città di Trento e le zone limitrofe.

 

Dati alla mano, confermati anche dalla Federazione Italiana Mediatori Agenti d'Affari della provincia di Trento, la situazione è davvero complessa: in questo momento l'offerta di case in affitto e bassissima, con i canoni che sono aumentati di molto, e anche le soluzioni a canone moderato sono praticamente inesistenti, mentre anche quelli di un certo tenore e rilevanza economica sono pochi.

 

A complicare la situazione, come testimonia la storia di Paola, si aggiungono anche i requisiti sempre più stringenti richiesti dai locatori, che cercano naturalmente di tutelarsi e di avere più garanzie possibili.

 

"Attualmente ho due contratti in essere, uno stagionale ed uno a tempo determinato, entrambi nel mio ambito lavorativo, e quest'ultimo nei prossimi mesi si trasformerà finalmente in un contratto a tempo indeterminato" ci spiega la trentasettenne, che specifica come il suo stipendio mensile sia di tutto rispetto: "Ho sempre lavorato anche durante l'università e, dopo la laurea così come anche oggi, ho sempre percepito un reddito mensile che sfiora i duemila euro".

 

Ma questo non basta. Trovatasi nella condizione di dover cambiare casa, la sua ricerca si sta trasformando in un vero e proprio incubo: "Mi sono affidata ad un'agenzia immobiliare che mi ha messo in contatto con diversi locatori. Ho visitato diversi immobili, ma in tutti i casi l'epilogo è stato il medesimo: quando, nonostante le buone buste paga, le persone che mi sono trovata di fronte hanno saputo che non ero in possesso di un contratto a tempo indeterminato, hanno rifiutato di procedere con la trattativa".

 

Paola racconta di essersi dovuta confrontare con veri e propri "casting" mai andati a buon fine: "La cosa che più mi stupisce è che mia madre potrebbe anche fare da garante per la sottoscrizione di un contratto d'affitto, ma quando ho avanzato quest'ipotesi mi sono sentita rispondere dai proprietari che questo avrebbe rappresentato un ulteriore step burocratico che non volevano affrontare".

 

"La situazione comincia a preoccuparmi seriamente – conclude Paola – dal momento che il rischio che corro è di dover ricorrere a soluzioni d'emergenza come alloggiare in hotel o addirittura tornare a casa dai miei genitori e questo, alla luce dei miei orari lavorativi, sarebbe praticamente impossibile".

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 luglio - 18:32
I carabinieri sono intervenuti sul posto per tutti gli accertamenti del caso: dalle prime informazioni l'omicidio sarebbe avvenuto a Lazise, nella [...]
Montagna
12 luglio - 18:17
Gli escursioni, appartenenti a diversi gruppi, si erano trovati a transitare sul sentiero E703 dell'Alta Via numero nel territorio di Canale [...]
Economia
12 luglio - 17:36
Il fatto, di grande importanza per il territorio, è stato certificato dal consiglio di amministrazione di Dolomiti Energia oggi che ha votato per [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato