Contenuto sponsorizzato

In aumento le truffe delle case vacanza e degli hotel fantasma. L'associazione Codici: "Verificare prima di effettuare pagamenti"

Il meccanismo è il seguente: su internet vengono pubblicate proposte di affitti di case vacanze o camere prestigiose, ma dopo la prenotazione e il successivo versamento della caparra i truffatori scompaiono e le case o le strutture si rivelano inesistenti

Di F.Os. - 18 aprile 2024 - 15:35

TRENTO. Con l'avvicinarsi del ponte del 25 aprile, e più in generale delle vacanze estive, torna a riaffacciarsi l'allarme per le truffe delle case vacanze e degli hotel fantasma, casi non nuovi anche in Trentino (articolo qui).

 

Il meccanismo è semplice: su internet vengono pubblicate proposte di affitti di case vacanze o camere prestigiose, con tanto di fotografie e dettagli specifici, ma dopo la prenotazione e il successivo versamento della caparra da parte delle vittime, i truffatori scompaiono e le case o le strutture si rivelano inesistenti.

 

In certi casi, per di più, la scoperta della truffa avviene quando si raggiunge la meta turistica, scoprendo che la casa vista nelle foto non esiste o comunque non è disponibile.

 

A mettere in guardia i cittadini sulla questione è l'Associazione per la tutela dei consumatori “Codici” che specifica, attraverso le parole del segretario nazionale Ivano Giacomelli, come “le truffe in questo settore sono in aumento e per questo è importante prestare particolare attenzione”.

 

Ad essere particolarmente “a rischio” sono le prenotazioni online - in Hotel, bed & breakfast, appartamenti o case – con i prezzi più bassi e quindi particolarmente vantaggiose e, come specifica “Codici”, è bene effettuare una serie di verifiche prima di procedere a qualsiasi tipo di pagamento.

 

“Se abbiamo scelto un’agenzia di viaggi online, assicuriamoci che il sito sia quello ufficiale controllando l’indirizzo se siamo al computer – spiega Ivano Giacomelli – o utilizzando l’app se siamo al cellulare, scaricandola dallo store ufficiale. Se l’annuncio è stato invece pubblicato da un host, è opportuno cercare informazioni e recensioni per accertarsi della sua affidabilità”.

 

Il rischio di truffa aumenta se poi, per avere ulteriori informazioni o per effettuare la prenotazione, si viene rimandati ad altri canali di comunicazione come e-mail, sms e Whatsapp.

 

“Bisogna utilizzare sempre canali che garantiscano una forma di tutela, quindi diffidare da link che potrebbero rimandare ad un sito clone oppure sottrarre dati personali e da chi propone accordi privati promettendo uno sconto”, dichiara il segretario nazionale di “Codici” che specifica: “Nel caso di appartamenti e case vacanza, bisogna prestare attenzione agli annunci pubblicati da proprietari che non possono accogliere di persona, perché magari in quel periodo sono all’estero. Le trattative a distanza, infatti, possono nascondere una truffa soprattutto quando il proprietario si fa pressante perché vuole concludere l’affare in fretta”.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 maggio - 21:10
Giornata di lavoro per i vigili del fuoco e per il sistema di Protezione civile in Trentino. Disagi alla viabilità tra frane e strade chiuse in [...]
Ambiente
21 maggio - 21:17
Salute e costi, inquinamento, differenziata e l'energia per il riscaldamento domestico, il confronto con Bolzano e la richiesta di attivare un [...]
Cronaca
21 maggio - 18:07
La vicenda di Forti fa emergere sempre più disparità di trattamento e dopo l'incontro in pompa magna con la premier Meloni con tanto di diretta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato