Contenuto sponsorizzato

Badanti, aumentano le richieste ed arriva un corso di formazione

L'obiettivo del percorso è quello di fornire e sviluppare le competenze tecnico-professionali, relazionali, comunicative e socio-culturali

Pubblicato il - 20 August 2017 - 21:55

TRENTO. Secondo gli ultimi dati elaborati dalla Fondazione Moressa, per quanto concerne il Trentino Alto Adige, le richieste di un'assistente famigliare sono in continuo aumento. Il peso della popolazione over 75 anni passerà dal 9,2% del 2016 all'11,3% del 2030 e tra un quindicina di anni saranno necessarie il 37% in più di badanti.

 

Quello che viene richiesto da parte delle famiglie è però una maggiore professionalità di chi decide di svolgere questo importante lavoro. Ecco allora che per venire incontro a queste esigenze è nato “P.I.L.A.” (Percorsi per l'Inclusione Lavorativa degli Assistenti familiari) il titolo del corso di formazione al quale ci si può iscrivere entro il 29 settembre 2017 e che punta ad una maggiore qualificazione professionale da parte di chi sta svolgendo o vorrebbe esercitare la professione di, assistente familiare.

 

L’iniziativa è realizzata nell’ambito del Programma operativo FSE 2014 - 2020 della Provincia autonoma di Trento grazie al sostegno finanziario del Fondo sociale europeo, dello Stato italiano e della Provincia autonoma di Trento.

 

L'obiettivo del percorso è quello di fornire e sviluppare le competenze tecnico-professionali, relazionali, comunicative e socio-culturali nel campo dell’assistenza familiare, fornendo gli strumenti fondamentali per far fronte alle difficoltà che emergono nell’ambito dell’assistenza e cura alla persona.

Destinatari del corso sono in particolare persone residenti o domiciliati in provincia di Trento, che siano privi di impiego e con una condizione economica, stabilita sulla base dell’indicatore I.C.E.F. (Indicatore della Condizione Economica Familiare) pari o inferiore a 0,20. 
 

L’iniziativa si svolgerà in più edizioni, tra cui Trento, Rovereto e Pieve Tesino e potrà essere attivata anche in altre sedi una volta raggiunto un numero sufficiente di adesioni. Il corso è suddiviso in una prima fase di 80 ore in aula che si svolgeranno, prevalentemente, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30 per 4 ore giornaliere. L’altra fase di tirocinio ha la durata di 160 ore che saranno svolte dal lunedì al venerdì per 8 ore giornaliere con orario da concordare con l’azienda ospitante.

 

L’avvio delle attività formative è previsto il giorno 16 ottobre 2017. È possibile presentare la domanda di adesione entro il 29 settembre 2017, basta scaricare il modello apposito dal sito www.modulistica.provincia.tn.it

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 February - 20:08

Sono 211 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 38 pazienti sono in terapia intensiva. Oggi 1 decesso. Sono 87 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

26 February - 18:14

Il dirigente dell'Azienda Sanitaria Pier Paolo Benetollo ha spiegato che ad oggi "Il numero di varianti che stiamo trovando è limitato''. Sono in totale quattro le mutazioni inglesi registrate fino ad oggi in Trentino 

26 February - 18:02

Adesso si parte con la fase successiva. Il virologo del Cibio, Massimo Pizzato: "La prossima settimana prevediamo di proseguire con lo studio. Un migliaio di analisi in parallelo ai tamponi molecolari per verificare la sensibilità dei test salivari. Poi si parte a regime, questo step dovrebbe iniziare a metà marzo"

 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato