Contenuto sponsorizzato

Il Rifugio Tonini distrutto dall'incendio. Bassetti: "Un disastro, ma ricostruiremo"

Le fiamme si sono sviluppate dal tetto dell'edificio intorno alle 10.30 e in serata sono state domate. (GUARDA LE FOTO) I vigili del fuoco dormiranno in quota e domani metteranno in sicurezza l'area. Andato bruciato anche una parte di bosco. Il presidente della Sat: "I gestori sono a terra. Avevano investito 26 anni della loro vita in quell'edificio ristrutturato nel 2010"

Il Rifugio Tonini dopo l'incendio
Di Luca Pianesi - 28 dicembre 2016 - 19:56

PINE'. L'incendio adesso è domato. Resta lo scheletro del rifugio con il tetto completamente andato in cenere e una parte di bosco bruciata completamente. E in cenere sono finite anche speranze e ricordi dei gestori Hana e Narcisio che al rifugio Tonini hanno dedicato 26 anni della loro vita. "Sono a terra - racconta Claudio Bassetti presidente della Sat, proprietaria dell'edificio - li ho visti davvero giù. Ma d'altronde non potrebbe essere altrimenti. Sono lì dal 1990 e oltre ai danni materiali si vanno a sommare tanti danni morali. Sono andati in fumo ricordi e emozioni. Tra l'altro loro erano bravissimi. Il Rifugio Tonini era un fiore all'occhiello, una di quelle strutture che funzionavano, eccome. Amato a tutti gli appassionati, come amati erano i gestori. Ma penso che non si dovrà mollare. Penso dovremo ricostruirlo il prima possibile".

 

L'incendio è partito dall'alto, dal tetto. Intorno alle 10.30 l'allarme e i primi tentativi dei gestori e di alcuni altri presenti di spegnere le fiamme con gli estintori e i secchi d'acqua. "Ma sono intervenute una serie di circostanze davvero sfortunate - prosegue Bassetti che si è recato sull'Altopiano di Piné appena saputo del fattaccio - il vento fortissimo, per esempio, ha spinto le fiamme rapidamente anche verso il bosco che ha preso fuoco in un attimo. E allo stesso tempo le scandole in legno del tetto dell'edificio si sono accese come fossero fiammiferi ed è stato un inferno". E la siccità, di questo ultimo mese, ha fatto il resto lasciando strada libera all'incendio.

 

Le immagini dell'incendio al rifugio Tonini

Sul posto sono giunte diverse squadre dei vigili del fuoco volontari e permanenti ma anche le operazioni di spegnimento non sono state facili. L'acqua in quota non c'era e quindi è stata portata con dei moduli con l'elicottero. E l'elicottero antincendio è servito anche a domare le fiamme che si stavano espandendo rapidamente al bosco circostante al rifugio. "L'edificio principale è devastato - aggiunge Bassetti - mentre lo stallone, dove da qualche anno vengono fatte alloggiare le scolaresche, è salvo. Tutta la struttura era stata fatta ristrutturare dalla Sat nel 2010. Quindi dispiace, se è possibile, ancora di più. Adesso c'è da chiarire cosa è successo. Si parla della canna fumaria, ma era stata rifatta solo sei anni fa. Tutto era stato realizzato a norma di legge, con precisione, e poi ciclicamente sono stati eseguiti controlli e verifiche. Aspettiamo perizie e accertamenti". 

 

Resta, quindi, da chiarire la dinamica dell'incidente. Intanto le fiamme sono state domate, sia quelle che hanno "attaccato" il bosco che quelle che hanno devastato l'esterno dell'edificio, anche se braci e tizzoni sono ancori accesi. Per questo molti dei soccorsi rimarranno a dormire in quota questa notte per procedere, poi, domani mattina a mettere in sicurezza tutta l'area. E già da domani si penserà al futuro del Rifugio Tonini. E tutti tifano per Hana, Narciso e la Sat nella speranza che tutto torni come prima il più presto possibile. "Il Tonini è un bene di proprietà della Sat ma è patrimonio della comunità - conclude Bassetti - è nel cuore di tutti e quindi penso che il prima possibile bisognerà incontrarsi, anche con le amministrazioni della zona, per pianificare la rinascita della struttura".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 10:50

Dove è passato Salvini la Lega ha perso (o al massimo è andata al ballottaggio) e anche chi ha cercato di portare il Patt verso quella sponda, come il presidente Panizza, è stato bocciato anche a casa propria. Gli errori del segretario Bisesti sono stati evidenti in tutti i campi ma Fugatti c'ha messo del suo con l'incredibile (ed effettivamente non credibile) annuncio del concerto di Vasco per il prossimo anno

23 settembre - 01:29

Se il Pd è il primo partito, la lista di Ianeselli è il secondo nel blocco del centrosinistra autonomista a quota 7,94%, tallonato dal Patt e poi da Futura. Nel centrodestra fa due consiglieri Fratelli d'Italia e tre la lista Trento Unita Merler Sindaco. La Lega piazza 5 esponenti

23 settembre - 09:09

Il Partito Democratico passa da un 12,6% del 2015 al 6,86 ma cala anche il Patt. Tra gli eletti con il maggior numero di voti ottenuti c'è Daniela Casagrande di Civic@ per Pergine seguita da Carlo Pintarelli (322 voti) di prospettiva Futura e Stefano Tomaselli del Patt con 230 voti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato