Contenuto sponsorizzato

La Loppio-Busa si farà, l'assessore Gilmozzi: "I soldi ci sono"

In risposta a una interrogazione di Nerio Giovanazzi l'assessore provinciale conferma l'impegno per la soluzione viabilistica Loppio-Busa

Pubblicato il - 03 novembre 2016 - 14:01

TRENTO. Tutto confermato, nessun passo indietro e i finanziamenti ci sono e saranno addirittura confermati nella prossima manovra di bilancio. L'ha detto l'assessore Mauro Gilmozzi a proposito della Loppio-Busa in risposta all'interrogazione di  Nerio Giovanazzi.

 

Oggi in Consiglio la risposta a quanto chideva il consigliere di Amministrare il Trentino che voleva sapere "se corrispondono al vero le recenti notizie riguardanti il rischio che vengano a mancare le risorse necessarie per finanziare la realizzazione del collegamento Loppio- Busa".

 

La risposta di Gilmozzi ha confermato che la copertura finanziaria per la Loppio – Busa c’è. "E’ stata approvata nel 2015 e continua ad essere mantenuta e ci sarà nel bilancio 2017". A novembre saranno avviate le procedure per l’unità di S.Isidoro, alle quali seguiranno quelle per la seconda unità funzionale, cioè la galleria, si farà e la bonifica della Maza e infine la strada dalla Maza al Cretaccio.

 

"Le notizie uscite dai giornali, che hanno messo in relazione la questione finanziaria con lo Stato con la realizzazione della Loppio – Busa non hanno fondamento", ha concluso l’assessore. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato