Contenuto sponsorizzato

Ledro, sorpresi con attrezzatura da scasso, due bresciani denunciati

Allertati da alcune segnalazioni, i carabinieri sono intervenuti fermando un furgone: a bordo arnesi, torce e guanti. Carabinieri: "Le segnalazioni dei cittadini sono importanti per controlli efficaci"

Pubblicato il - 03 novembre 2016 - 14:11

RIVA DEL GARDA. I carabinieri hanno denunciato due persone trovate in possesso di arnesi da scasso, agli uomini sarà inoltre notificato il divieto di ritornare nel Comune.

 

Verso la mezzanotte, lungo la statale 240 della Val di Ledro, le forze dell'ordine di Pieve di Bono e Borgo Chiese, allarmati da alcune segnalazioni, hanno controllato un furgone: i due uomini, entrambi 50enni bresciani e pregiudicati per furto, sono stati trovati in possesso di attrezzatura per lo scasso, guanti e torce. Armamentario sul quale i due uomini non riuscivano a fornire spiegazioni credibili. 

 

"L’operazione odierna - spiegano i carabinieri - è molto importante quale attività di prevenzione per i furti, ma dimostra come le segnalazioni fornite dai cittadini siano preziose per poter effettuare controlli efficaci".

 

L'attrezzatura è stata sequestrata dai carabinieri, mentre sono in fase di accertamento se gli uomini denunciati siano stati autori di furti in zona o se siano stati bloccati prima di commettere qualche reato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 06:01

Dopo la decisa presa di posizione di Cgil, Cisl e Uil ma anche quella dell'Upt, duri i consiglieri provinciali dopo che l'assessora Stefania Segnana è intervenuta per scaricare (ancora una volta) le responsabilità sui medici e ha attaccato il presidente Marco Ioppi

25 maggio - 16:03

Il Pd scende in campo per lo sport, contributi alle associazioni, detrazioni fiscali e voucher per le famiglie: “È necessario cominciare a immaginare, con regole chiare e armonizzate tra livello nazionale e locale, una ripartenza dell’attività sportiva sul territorio provinciale”

26 maggio - 08:25

Il 19enne era agli arresti domiciliari, presso il reparto di psichiatria dell'ospedale di Arco. Scoperta l'evasione i sanitari hanno avvisato i carabinieri che sono riusciti poco dopo a ritrovarlo 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato